Rizzoli grazia il “pallavolista” De Jong

© foto www.imagephotoagency.it

Dalla moviola del Corriere dello sport – stadio, il fallo di mani di De Jong è l’episodio più netto della partita di ieri sera tra Roma e Milan, arbitrata in modo particolarmente discutibile da Nicola Rizzoli, il direttore di gara nella finale dell’ultimo Mondiale.

Analizzando ordinatamente i due tempi, nel primo su cross di Holebas Bonera ha il braccio destro largo con cui colpisce il pallone: era punizione dal limite ma invece arriva l’angolo. Fallo di Keita su Montolivo, Menez chiede l’ammonizione; in campo internazionale l’avrebbe presa il francese. Vede bene Di Liberatore il fuorigioco nella triangolazione Gervinho-Totti-Gervinho e nel frattempo si arriva al momento clou. Aiutato erroneamente da Massa, Rizzoli non assegna il rigore sulla mano di De Jong che in stile pallavolista intercetta il cross di Florenzi e Gervinho forse neanche tocca. Giusto il giallo ad Armero che va da dietro su Totti.

Il secondo tempo si apre con Maicon in ritardo su Zapata, scatta il giallo ma sarebbe come un arancione. Menez in fuorigioco tocca il pallone in rete dopo il fischio, ammonito anche lui. De Jong nuovamente al centro dell’attenzione va su Nainggolan, generando un altro caso di cartellino arancione… Armero ferma un tocco di Keita con la mano, Rizzoli non ammonisce il colombiano facendosi circondare da De Rossi e dallo stesso Keita… giallo che arriva dopo pochi minuti. Involontario invece il tocco di mano di Poli mentre si verifica un’altra azione da rigore con Destro messo giù in area ma è lui a tirare per primo la maglia di Mexes. Non è rigore il tiro di Ljajic che va addosso a Bonera, il braccio del difensore rossonero è raccolto al corpo.

Articolo precedente
“Special guest” di Roma-Milan: le mani
Prossimo articolo
Bonera: “Possiamo arrivare terzi”