Rinvio Euro2020: i commenti dalle federazioni europee

© foto www.imagephotoagency.it

Rinvio Euro 2020, i comunicati delle federazioni europee sulla decisione presa dalla Uefa alla luce dell’emergenza sanitaria

AS riporta il comunicato della Federazione calcistica spagnola in merito al rinvio di Euro 2020: «Abbiamo lavorato con la UEFA per molti giorni al telefono e in videoconferenza. Abbiamo avanzato alcune proposte che sono state approvate in modo soddisfacente. Sappiamo già quali sono le situazioni per le competizioni europee. Le competizioni devono essere completate prima del 30 giugno. Tutte le squadre devono giocare tutte le partite. Questo è ciò di cui abbiamo discusso con le 55 federazioni membre e con il Comitato esecutivo. Abbiamo votato tutti favorevolmente. Tutti i presidenti dei Territori concordano all’unanimità e mi hanno dato il loro voto di fiducia. La salute, l’economia e le competizioni sono i tre pilastri che analizziamo. La RFEF prenderà provvedimenti una o due settimane prima che il campionato riprenda. L’inizio è soggetto a quanto ci verrà detto dalle autorità sanitarie e governative».

Fritz Keller, presidente della DFB, ha ringraziato la Uefa per la scelta fatta: «Vorremmo ringraziare tutti i responsabili delle decisioni per quanto riguarda politica, economia, sport e società che si stanno assumendo la responsabilità in questi giorni, in un momento difficile in cui sfide senza precedenti devono essere affrontate insieme. Solo se agiamo insieme, possiamo superare questa crisi: vorrei ringraziare tutti coloro che hanno contribuito all’organizzazione del nostro movimento affinché numero di nuove infezioni non continui ad aumentare.

Ringrazio i colleghi della UEFA, di cui non siamo meno responsabili nell’ospitare il Campionato europeo, oggi hanno rispettato le loro responsabilità e hanno elaborato un piano per le loro 55 associazioni associate. Sapendo che tutto ciò che decidiamo qui e oggi potrebbe essere obsoleto domani o dopodomani. Ora dobbiamo imparare a pensare ai prossimi senari, non c’era alternativa al rinvio del campionato europeo. Ora è il momento di non mettere a rischio la salute delle persone, non solo in Germania e in Europa, ma in tutto il mondo. Allo stesso tempo, dobbiamo pensare a come il calcio continuerà dopo la pandemia».