Connettiti con noi

News

Pioli: «Siamo forti, ma non siamo squadra dall’inizio alla fine»

Marco Rizzo

Pubblicato

su

Stefano Pioli, intercettato da DAZN nel post partita, ha espresso il proprio parere sull’andamento della gara

Stefano Pioli, intercettato da DAZN nel post partita, ha espresso il proprio parere sull’andamento della gara:

GARA – «Senza spirito di squadra non si va da nessuna parte, siamo una squadra forte ma non così forte da non poter essere squadra dall’inizio alla fine. In alcune partite certe situazioni ci hanno penalizzato ma questa sera ho visto l’atteggiamento giusto da parte di tutti».

IBRAHIMOVIC – «Stiamo parlando di un campione, chi è come lui fa crescere anche le qualità dei propri compagni e non averlo avuto per tanto tempo ci ha penalizzati sicuramente. Le due sconfitte le abbiamo subite a livello mentale ma abbiamo reagito dimostrando carattere.

Credo che spesse volte non dare punti di riferimento alla difesa avversaria può essere un vantaggio, Zlatan in questo senso ha un’intelligenza calcistica evoluta ma è chiaro che gli piace fare il regista offensivo cercando di dialogare molto con i compagni cercando altre soluzioni con gli inserimenti senza palla».

PRESTAZIONE – «A livello mentale credo sia stata una gara non semplice anche dal punto di vista della classifica. Non vincere questa sera sarebbe stato complicato per la nostra classifica, è chiaro che per giocare questo tipo di calcio bisogna migliorare nell’essere più solidi quando gli avversari sono in possesso di palla».

OBIETTIVO – «L’obiettivo è grande e le nostre prestazioni devono essere di livello in tutte le situazioni. Calhanoglu secondo me non ha ancora raggiunto il suo massimo potenziale, mi piace tantissimo perché abbina quantità, qualità e generosità ma deve trovare ancora maggiore precisione negli assist e in zona gol. Sta trovando quella fiducia che gli può permettere di arrivare in doppia cifra sia a livello di gol e assist».

SOCIETA’ – «L’area tecnica ci sostiene quotidianamente, il club ci sta mettendo nelle condizioni di fare bene e questo è anche il motivo per cui abbiamo fatto un’ottima stagione. E’ tutta gente di calcio che sa come e quando dire certe cose».

Advertisement