Vincere contro il Verona per giocare gli scontri diretti con più tranquillità

Locatelli
© foto www.imagephotoagency.it

Tante le possibili varianti della corsa all’Europa League. Il Milan deve vincere contro il Verona per potere gestire meglio gli scontri diretti

A tre partite dalla fine il Milan conserva il settimo posto valido per l’accesso ai preliminari di Europa League. Prima della fine c’è ancora lo scontro diretto con l’Atalanta che potrebbe far saltare il banco della corsa all’Europa; intanto i rossoneri devono sbrigare la pratica Verona, match tutt’altro che semplice per diversi motivi. I gialloblu sono ad un passo dalla Serie B dopo la sconfitta nello scontro diretto contro la Spal e dovranno giocare con il coltello fra i denti.

VERONA – L’aspetto positivo per i milanisti è che difficilmente troveranno un avversario chiuso in difesa. Il pareggio condanerebbe gli scaligeri alla cadetteria. Gli spazi potrebbero regalare una partita ricca di emozioni e di occasioni da rete. Tuttavia l’impegno non è da sottovalutare: all’andata il Milan fu un disastro sia sul piano del gioco che del risultato. Il 3 a 0 firmato da Kean è stata forse la peggior prestazione (insieme alla sconfitta in casa contro il Benevento) della gestione Gattuso.

LA CLASSIFICA – I tre punti contro il Verona potrebbero significare il sorpasso ai danni dell’Atalanta, impegnata in casa contro la Lazio in lotta in Champions. Nella penultima giornata lo scontro diretto obbligherebbe i bergamaschi alla vittoria per il controsorpasso anche se le inseguitrici Sampdoria e Fiorentina non permettono incidenti di percorso. A San Siro all’ultima si gioca Milan-Fiorentina. anche in questo caso al Milan potrebbe bastare un pareggio, ma occhio alla variabile Samp che potrebbe beffare tutti sul filo di lana.

Articolo precedente
CalhanogluI tifosi hanno scelto: è di Calhanoglu il più bel gol d’aprile – VIDEO
Prossimo articolo
Atletico Madrid-Arsenal, che Wilshere! L’inglese sarebbe il colpo giusto