Milan, primi approcci per Higuain: offerta al giocatore

higuain
© foto www.imagephotoagency.it

Partito il nuovo Milan ora deve anche partire il mercato e il tempo a disposizione non è poi così tanto. Il colpo da fare resta sempre quello della prima punta: primi approcci per Higuain e offerta ufficiale al giocatore. E’ lui il colpo che vuole Elliott

Dopo i vari impedimenti societari e esterni che hanno bloccato il Milan per parecchie settimane, il mercato rossonero può ora finalmente partire. Il grande colpa da fare è sempre là davanti, in quel ruolo dove ormai da troppi anni manca un giocatore in grado di permettere un notevole salto di qualità a tutta la rosa. Ecco che allora negli ultimi giorni si sarebbe verificato un concreto approccio con Gonzalo Higuain. Alcuni intermediari del Milan, riporta la Gazzetta dello Sport, hanno proposto al fratello-agente del Pipita un quadriennale da 4,5 milioni di euro. Si tratta di una cifra di gran lunga inferiore rispetto ai 7,5 mln percepiti alla Juventus, ma il Diavolo potrebbe fare leva sulla volontà dell’attaccante argentino di trasferirsi a Milano e rilanciarsi in un top team dove sarebbe di nuovo protagonista, piuttosto che una rischiosa parentesi a Londra.

L’operazione resta comunque parecchio complicata. Infatti la Juventus non scende sotto la richiesta di 60 milioni e i rossoneri attualmente non possono permettersi, causa norme da rispettare di FPF, di spendere quella cifra senza prima aver fatto qualche cessione. I giocatori sacrificabili in tal senso sarebbero Donnarumma, Suso e Bonucci, gli unici in grado di consentire al Milan di guadagnare una cospicua cifra. l’intenzione del Diavolo è quella di cedere solo un big, di fronte a un’offerta davvero importante, per non indebolire eccessivamente la rosa di Gattuso. Infatti, oltre ai big, ci sarebbero entrate significative dalle cessioni di BaccaKalinic e André Silva.

 

Articolo precedente
Milan, dopo Leonardo è il turno del nuovo ds. Spunta anche un’altra idea
Prossimo articolo
Milan, si parte: in giornata l’incontro tra Scaroni e la Uefa per dar seguito alla sentenza