Milan, cosa manca alla squadra di Gattuso? Lo scopriremo tra un mese

Gattuso
© foto www.imagephotoagency.it

Cosa manca a questo Milan? Ce lo dirà il campo. Tra un mese molto probabilmente avremo delle risposte in base ai punti ottenuti

La risposta molto probabilmente non sta in un nome, ciò che manca alla squadra di Gattuso, domanda lecita a questo punto della stagione, molto probabilmente è da ricercare nella continuità di risultati. Il mese di settembre sarà un banco di prova importantissimo per capire le reali condizioni di una squadra sempre più consapevole dei propri mezzi, dopo un anno di “purgatorio”. Il mercato estivo fino ad ora si è rivelato eccellente, ora il Milan ha una panchina molto più lunga rispetto alla passata stagione, con elementi di rilievo, come dimostrato nella gara con la Roma. Dunque cosa potrebbe mancare a questo punto? Niente se non una continuità di risultati volta a dimostrare finalmente che la squadra c’è ed è competitiva non solo con Inter, Roma e Napoli ma anche e soprattutto con la Juventus. Le prossime quattro gare ci diranno di che pasta è fatto questo Milan, se il 30 settembre saranno 12 punti vorrà dire che non manca nulla, certo il campionato non finisce ad ottobre ma partire bene è il modo migliore per concludere ancora meglio. Non dimentichiamoci però che l’Inter l’anno scorso a Dicembre era prima in classifica per poi lottare a Maggio all’ultima giornata, per quel quarto posto ottenuto nella finale con la Lazio, questo per dire che la stagione è lunga e piena di insidie. Il Milan però non è l’Inter e non dipende da un solo giocatore come succedeva l’anno scorso ai nerazzurri, ciò che è emerso dalle prime due partite, al di la del risultato di Napoli, è una coesione di gruppo che sta esaltando anche l’operato di alcuni giocatori che l’anno scorso sembravano finiti: vedi Musacchio e Calhanoglu nella prima parte di stagione.

DUALISMO CON LA JUVENTUS- Anti Juve? Può essere, non perchè ci si esalti per una vittoria ma perchè il gioco espresso in campo dimostra che la squadra sa cosa deve fare, ora a maggior ragione con una panchina pronta a dar respiro in ogni settore. Biglia? Questo forse è l’unico problema, ovvero l’unica alternativa potrebbe essere rappresentata da Montolivo (fuori condizione), a meno che Gattuso non decida di spostare Calhanoglu in mezzo ed uno tra Castillejo e Laxalt sulla sinistra, con Bonaventura avanzato a fianco di Higuain. Possibilità, eventualità. Ad ogni modo Montolivo rimane a disposizione, certo Gattuso dovrà valutarne condizione fisica ed atletica prima di concedergli il meritato spazio.

Articolo precedente
GazidisMilan, amministratore delegato: la necessità di chiudere a breve e l’ultimatum a Gazidis
Prossimo articolo
montolivo non più capitanoMontolivo rientra nelle rotazioni, sarà lui il vice-Biglia