Il Settembre rossonero: l’occasione giusta per capire fin dove si può arrivare

Higuain
© foto www.imagephotoagency.it

Quattro gare da 12 punti, è questo l’obiettivo di Settembre e ciò che si aspetta il popolo rossonero dopo la festa di Venerdì sera

Sarà una sosta serena e tranquilla per il mondo Milan, la vittoria sulla Roma consente a Gattuso di allontanare le pressioni e di lavorare dunque con più serenità in vista della trasferta di Cagliari. La sardegna sarà la prima tappa del mese di settembre, un periodo che se affrontato nel migliore dei modi potrebbe davvero portare la squadra tra le prime posizioni. Certo, è ancora presto ma non dimentichiamoci i punti persi l’anno scorso proprio con le squadre considerate “minori”. Intanto il Cagliari ha battuto l’Atalanta 1-0 con un gran goal di Barella, un nazionale, un giocatore seguito da molti club italiani. Sarà proprio l’Atalanta l’avversario in arrivo subito dopo Cagliari, San Siro ospiterà la squadra bergamasca dopo il 2-0 subito l’anno scorso a Dicembre.

EMPOLI E SASSUOLO- Il primo turno infrasettimanale porterà al Castellani di Empoli, la squadra di Andreazzoli ha già 4 punti, ottenuti vincendo contro il Cagliari e pareggiando con il Chievo. Più difficile la gara di Reggio Emilia con il Sassuolo, un’altra trasferta (la terza in quattro gare) e soprattutto un campo difficilissimo, a maggior ragione quest’anno che la squadra di De Zerbi si è rinforzata particolarmente in attacco.

OBIETTIVO 12- Questo è ciò che si aspetta il popolo rossonero e ciò che dovrebbe fare una squadra che punta almeno al quarto posto. Contro queste squadre (salvo l’Atalanta un passo avanti) dovranno arrivare necessariamente 12 punti per non ripetere gli errori della passata stagione. I primi tempi visti contro Napoli e Roma sono da scudetto, ora bisognerà lavorare sulla condizione atletica per non mollare il colpo già al minuto 60. Quest’anno la panchina è anche più lunga, il che significa solo una cosa: non ci sono più scusanti.