Milan, si riparte: oggi riprendono gli allenamenti ma senza i nazionali

borini milan
© foto www.imagephotoagency.it

Milan, riprendono gli allenamenti senza i nazionali, c’è da preparare la trasferta di Cagliari per poi pensare ad Atalanta, Empoli e Sassuolo

Il meritato riposo concesso da Gattuso sta per esaurirsi, dopo la bella vittoria di venerdì maturata contro la Roma, il Milan è pronto a tornare in campo. Ovviamente mancheranno i nazionali, il resto del gruppo si riunirà dalle ore 17,30. Una seduta decisamente serena e tranquilla per il tecnico rossonero che avrà modo di preparare la trasferta di Cagliari senza la pressione di una precedente sconfitta. La vittoria con la Roma consentirà all’ambiente di rimanere concentrato ma tranquillo, senza dimenticare le insidie che si nascondono si campi cosiddetti “minori”.

La sardegna, come detto, sarà la prima tappa del mese di settembre, un periodo che se affrontato nel migliore dei modi potrebbe davvero portare la squadra tra le prime posizioni.  Intanto il Cagliari domenica ha battuto l’Atalanta 1-0 con un gran goal di Barella, un nazionale, un giocatore seguito da molti club italiani, uno da tenere sotto controllo per bloccare la fonte di gioco avversaria. Sarà proprio l’Atalanta l’avversario in arrivo subito dopo Cagliari, San Siro ospiterà la squadra bergamasca dopo il 2-0 subito l’anno scorso a Dicembre.

EMPOLI E SASSUOLO- Il primo turno infrasettimanale, in programma mercoledì 26 Settembre,  porterà al Castellani di Empoli, la squadra di Andreazzoli ha già 4 punti, ottenuti vincendo contro il Cagliari e pareggiando con il Chievo. Più difficile la gara di Reggio Emilia con il Sassuolo, un’altra trasferta (la terza in quattro gare) e soprattutto un campo difficilissimo, a maggior ragione quest’anno che la squadra di De Zerbi si è rinforzata particolarmente in attacco, grazie agli acquisti dell’ex Boateng e di Babakar della Fiorentina.

Articolo precedente
GattusoMilan, ecco la lista Uefa per l’EL: fuori Conti e Strinic
Prossimo articolo
GazidisMilan, amministratore delegato: la necessità di chiudere a breve e l’ultimatum a Gazidis