Leonardo annuncia la cessione di Kalinic: sul croato non c’è soltanto l’Atletico Madrid

kalinic austria vienna
© foto www.imagephotoagency.it

In conferenza stampa Leonardo ha parlato anche del calciomercato in uscita dicendo la sua riguardo alle voci su Bonucci e Kalinic

Intervenuto in conferenza stampa il nuovo direttore generale dell’area tecnica e sportiva del Milan, Leonardo, ha così parlato anche delle voci di calciomercato in uscita partendo dalla trattativa innescata con la Juventus per Leonardo Bonucci«L’operazione nasce da una sua esigenza. Un’idea di mercato che lui ha palesato ma di cui ora dobbiamo verificare gli estremi. Deve essere una trattativa che sia da beneficio sia per il Milan che la Juventus, si sta lavorando». La sensazione è che il Milan proverà anche oggi, nel corso del sorteggio per il calendario 2018/19, a scambiare qualche battuta con i dirigenti della Juventus al fine di inserire nella trattativa per la cessione di Bonucci uno scambio con Mattia Caldara individuato come rimpiazzo di prospettiva da affiancare a Romagnoli.

Oltre al capitano rossonero, che ieri ha disputato 45 minuti contro il Manchester United, c’è anche il nome di Nikola Kalinic che Leonardo ha battezzato così: «Nikola è un giocatore esperto ed ha molto mercato. L’Atletico Madrid aveva già intavolato una trattativa con i vecchi dirigenti ma non è l’unica sistemazione possibile per lui. André Silva? Il suo profilo è diverso, Silva è giovane e ha tanta prospettiva. Il Milan ha puntato su di lui nella passata stagione e non abbiamo fretta di bruciarlo». All’interno della conferenza stampa Leonardo ha inoltre smentito dell’esistenza di offerte per Reina e Gianluigi Donnarumma, due portieri a suo avviso compatibili ma con cui ancora il dirigente brasiliano non ha ancora avuto modo di parlare per capirne le singole motivazioni.

Articolo precedente
Milan, conferenza di Leonardo: «Trattativa con la Juve volontà di Bonucci. Maldini? Sarebbe bello»
Prossimo articolo
MarottaMarotta apre ad uno scambio Caldara-Bonucci: «Leo vuole tornare? Qualcuno deve uscire»