Pagelle di Milan-Manchester United: bravi Chala e Suso, Bonucci gioca solo metà partita

© foto www.imagephotoagency.it

Le pagelle di Milan-Manchester United, prima gara del Diavolo nella International Champions Cup: ecco i voti di Milan News 24 ai giocatori rossoneri

Donnarumma 6,5: Buona prova di Gigio che non può nulla nell’occasione del gol di Alexis Sanchez ma è reattivo nelle altre occasioni capitate sui piedi del calciatori del Manchester United nell’ora in cui sta in campo. (60′ Reina 7: pronti-via è subito grande parata per Reina su una conclusione violenta di Herrera. Altri due interventi da gran portiere)

Abate 5: Spinge poco o nulla nell’ora in cui è in campo. Colpevole nel non aver ripiegato col tempismo giusto insieme a Musacchio facendo saltare la trappola del fuorigioco nell’occasione del gol di Alexis Sanchez. (60′ Antonelli 5,5: l’età per il terzino rossonero si fa sentire, quasi sempre in ritardo nelle sovrapposizioni è tuttavia attento in fase di ripiegamento)

Bonucci 6,5: Buona prova il capitano del Milan che disputa solo 45 minuti in quella che potrebbe essere l’ultima gara con la maglia rossonera. Una disattenzione di reparto permette al Manchester di passare in vantaggio con Sanchez ma proprio da uno splendido lancio del numero 19 nasce il pareggio milanista con Suso. (45′ Romagnoli 6,5: gioca bene in coppia con Musacchio, un po’ indietro dal punto di vista atletico).

Musacchio 6: Colpevole insieme ad Abate nell’occasione del primo gol del Manchester. Si rifà poi dimostrandosi sempre attento e atleticamente già pronto per la stagione, palla al piede è un sudamericano e si vede.

Calabria 6,5: Buona prova del terzino destro milanista che crea sull’asse con Kessié e Suso un importante ossatura in vista dell’inizio ufficiale della stagione.

Kessie 6,5: Riprende sulla falsariga della precedente stagione. Tanta corsa, buoni movimenti senza palla ma ancora qualcosa da migliorare dal punto di vista tecnico.

Locatelli 6: Partita meticolosa e attenta per il centrocampista rossonero, mette ordine al centrocampo ma il suo raggio d’azione è di qualche metro più indietro rispetto alle passate stagioni.(60′ Jose Mauri 6: Decisamente più dinamico rispetto a Locatelli, da un suo dribbling con assist nasce una nitida occasione che Borini spreca. Sul finale di partita si perde)

Bertolacci 6: Primo tempo ordinato per il centrocampista ex Genoa che sembra essere entrato nei meccanismi provati da Gattuso in allenamento. Semplice negli appoggi in fase di possesso, si muove molto senza palla liberando nuove vie di passaggio in profondità ai compagni. (45′ Borini 6,5: solita gara di sacrificio ma inconcludente per l’esterno offensivo che spreca una nitida occasione su passaggio di Jose Mauri ma colpisce un complicato palo in diagonale su assist geniale di Calhanoglu)

Suso 6,5: Come prevedibile è tra i primi ad aver già raggiunto una buona condizione fisica e atletica, suo il gol del pareggio ma per il resto crea poco.

Cutrone 6: Battaglia in avanti contro i fisicati centrali inglesi, la partita di Cutrone è di buon livello riuscendo a reggere botta e mantenendo la lucidità giusta quando è il momento di far salire la squadra o premiare gli inserimenti dei compagni. Sbaglia nel secondo tempo su ottimo assist di Borini. (74′ Kalinic 6)

Calhanoglu 7: L’atletismo non è ancora ai massimi livelli ma la sua visione di gioco lascia ottime prospettive. Assist al bacio per Borini nell’occasione del legno che avrebbe evitato al Milan la lotteria dei rigori finali.

All. Gattuso 7: Tra mille difficoltà il Milan si presenta bene e si comporta ancora meglio contro una formazione ben più rinomata come il Manchester United. Il merito è tutto di Ringhio.

MANCHESTER UNITED (4-3-3): Grant 6 (45′. Joel Pereira 6,5); Darmian 5,5, Smalling 6, Bailly 5,5, Shaw 6 (73′ Fosu-Mensah); Tuanzebe 6, McTominay 6,5, Herrera 5,5; Mata 6 (87′ Hamilton), Pereira 5, A. Sánchez 7.

Articolo precedente
Suso Milan-Manchester UnitedMilan-Manchester United 1-1 (8-9 dcr): highlights, tabellino e sintesi
Prossimo articolo
MarottaBonucci alla Juve? Se ne discute oggi in lega: parola di Marotta