Le pagelle di Milan-Genoa: Romagnoli da Champions, Bakayoko fallisce ancora

Milan
© foto www.imagephotoagency.it

Le pagelle di Milan-Genoa, ecco i voti dei rossoneri al termine della gara vinta all’ultimo minuto per 2 a 1

G. Donnarumma 6: La sua porta viene violata per la 16esima volta consecutiva ma è incolpevole sul gol del pareggio del Genoa. Qualche brivido alla fine del primo tempo quando incespica su un pallone servito all’indietro da Bakayoko e una seconda volta su un pallone gestito con i piedi.

Musacchio 6: L’ex Villarreal mostra maggiore sicurezza rispetto alle ultime partite ed è favorito dal fatto che Piatek questa sera è decisamente fuori dal gioco. E’ vicino al gol del vantaggio nei minuti finali.

Romagnoli 7: Il capocannoniere del campionato non ha avuto vita facile con il capitano rossonero. Preciso e puntuale nei suoi interventi è prima sfortunato nella deviazione che porta al gol del pareggio ed poi è decisivo con un incredibile pallonetto da fuori area per la rete del definitivo vantaggio in zona Cesarini.

R. Rodríguez 6: Meno spinta e più sostanza per lo svizzero. Copre bene la sua fascia ma senza farsi vedere più di tanto in avanti.

Suso 7: Lo spagnolo dopo appena 4 minuti dal fischio d’inizio si accentra, tira e scaglia il pallone in porta per l’1 a 0. Nel corso del match si fa vedere solo a sprazzi ma è l’unico che tenta davvero la giocata. E’ ancora pericoloso all’80’ con il suo solito movimento.

Kessié 6: Sollevato dal compito di copertura trova diversi inserimenti pericolosi ma è impreciso su una ripartenza che avrebbe messo Higuain solo davanti al portiere. Al 70′ è vicino al gol con un tiro ravvicinato. Non era al top nemmeno lui.

Bakayoko 4,5: Il francese sostituisce Biglia in un inedito 3-5-2 e inizialmente non sfigura nel ruolo di mediano e recuperapalloni. Sbaglia un retropassaggio sanguinoso a fine primo tempo ed è il principale responsabile del pareggio del Genoa temporeggiando dentro l’area quando avrebbe dovuto spazzare il pallone.

Calhanoglu 5: Il turco non è al top e si vede. Perde qualche pallone e non è mai pericoloso in fase offensiva e nell’uno contro uno. Serve ben altro per confermare il posto da titolare dopo il cambio di modulo. (83′ Castillejo: sv)

Laxalt 5: Trova pochissimi spunti in velocità nonostante giochi nella sua posizione ideale. Non si ricorda un suo cross degno di nota. (63′ Abate 6: inizia male con un pallone perso e recuperato da Kouamé ma poi si conferma preciso in copertura).

Higuaín 6: L’argentino ha le polveri bagnate. Gli unici guizzi sono un tiro deviato e un potente pallone al limite dell’area deviato in calcio d’angolo da Radu.

Cutrone 5,5: Questa volta il piccolo bomber rossonero si vede veramente poco in campo. Stringe i denti dopo un colpo subito al gomito da Criscito.

GENOA (3-5-2): Radu 5,5; Biraschi 6,5, Günter 6, Criscito 6; Zukanović 5,5, Rômulo 6,5 (66′ M.Veloso 6), Mazzitelli 5,5 (78′ Omeonga 6), Bessa 6, Lazović 6; Kouamé 7, Piątek 5 (85′ Pandev sv).

Articolo precedente
RomagnoliMilan-Genoa 2-1: pagelle e tabellino
Prossimo articolo
RomagnoliRomagnoli: «Questa squadra è stata criticata troppo»