Keisuke Honda

© foto www.imagephotoagency.it

Nome: Keisuke
Cognome: Honda
Luogo e data di nascita: Settsu, Osaka (Giappone), 13 Giugno 1986
Altezza: 182 cm
Peso: 74 kg
Ruolo: Trequartista, Ala destra, Ala sinistra
Squadra di appartenenza: A.C. Milan
Stato contrattuale: Scadenza 30 Giugno 2017
Costo del cartellino: 12 milioni di euro (www.transfermarkt.it)
Carriera: Si affaccia nel mondo del professionismo quando ancora giocava per la sua squadra del liceo, portando avanti parallelamente entrambe le attività. Dopo essersi diplomato, prosegue stabilmente nel Nagoya Grampus Eight dal 2005 al 2007 mettendo a segno 11 reti in 90 presenze nella J.League. I primi passi in Europa li muove nel VVV-Venio, squadra di Eredivise nella quale si trasferisce ad inizio 2008. Dopo una prima stagione fallimentare in cui la squadra retrocede, si riscatta nella seconda annata trascinandola alla promozione e vincendo il premio di miglior giocatore della Eerste Divise. Nel 2010, per 6 milioni di euro, passa al CSKA Mosca e in 4 anni vince un Campionato, una coppa di Russia ed una Supercoppa di Russia. Alla scadenza del contratto, Honda, decide di compiere un ulteriore salto nella sua carriera firmando un triennale con il Milan. Gli inizi non sono dei migliori, ma il caos in cui vive la società, oltre ai classici problemi di lingua e ambientamento, non aiutano il giapponese. Inoltre, un intervento chirurgico alla tiroide subìto da Honda poco prima di approdare a Milano, non gli permette un normale recupero né una pausa tra il campionato russo e quello italiano. Ma nella stagione 2014/15, con Inzaghi alla guida, si riscatta affermandosi come uno dei calciatori migliori in rosa.
Caratteristiche: La grinta e la tenacia sono di sicuro le sue qualità migliori. Inizialmente presentatosi come un giocatore in “slow motion”, ha sbalordito tutti facendosi trovare ad inizio stagione più dinamico che mai. Con un mancino al bacio ed un dribbling secco, è uno dei calciatori più tecnici della rosa attuale. Se riuscisse a migliorare la velocità nello scatto breve e “limasse” il posizionamento tattico in campo, diventerebbe davvero imprescindibile.
Voto complessivo del giocatore: 14/20

Articolo precedente
Galliani punta Lisandro Magallán, il nuovo Samuel
Prossimo articolo
Jérémy Ménez