Connettiti con noi

News

Il Milan si rituffa in campionato: come arriva al derby con l’Inter

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Archiviato il pareggio che è stato ottenuto tra le mura amiche contro il Porto nella massima competizione europea, per il Milan è tempo di tornare a rituffarsi in campionato, dal momento che domenica ci sarà un match veramente complicato, anche per via degli strascichi a livello psicologico che porta inevitabilmente sempre con sé.

Stiamo facendo riferimento alla partita delle partite, ovvero il derby contro l’Inter. Anche gli appassionati di pronostici serie A sono perfettamente a conoscenza del fatto che il match tra le due formazioni milanesi sarà aperto a ogni tipo di risultato, ma soprattutto a qualsiasi imprevisto, dato che in questo tipo di gare non bisogna escludere nulla a priori.

Un’occasione unica per allontanare l’Inter a -10

Anche secondo un opinionista esperto, ora, e un ex calciatore, ai tempi, come Fernando Orsi, che ha militato in porta per tanti anni con la Lazio, i rossoneri hanno tutte le carte in regola per affermarsi nel derby e per dare continuità a un progetto sportivo che, ora più che mai, è giunto nel pieno della sua maturità.

Un pensiero condiviso con l’ex difensore della compagine rossonera Fulvio Collovati, con i due che sono stati protagonisti di una bella chiacchierata pubblicata sul blog sportivo L’insider. Entrambi sono d’accordo su un aspetto molto importante, ovvero che il Milan si trova esattamente nel pieno della maturità del suo progetto sportivo ed è davvero l’anno giusto per puntare allo scudetto.

Il percorso che è stato fatto fino a questo momento da parte di Stefano Pioli è senz’altro da ammirare e da rispettare, visto che il lavoro fatto, anche a livello di organizzazione e di sviluppo sul terreno di gioco. Il Milan pratica un calcio molto europeo, visto che ama impostare palla al piede e affidarsi ai due riferimenti in attacco di peso e di spessore, ovvero Giroud e soprattutto Zlatan Ibrahimovic, che si alternano nel guidare le offensive rossonere.

Il lavoro di Pioli, come è stato sottolineato da Nando Orsi, è indubbiamente di alta qualità, ma la crescita importante che è stata registrata è frutto anche della grande fiducia e del supporto che la società ha riposto in lui. Nel momento in cui una società crede fortemente in un allenatore e in un certo progetto, ecco che è molto più semplice ottenere dei risultati e far crescere il progetto sia dal punto di vista tecnico che sotto il profilo sportivo. Nonostante gli infortuni, in fondo, il Milan è riuscito a rimanere sempre lì in vetta a lottare per le prime posizioni e questo rappresenta un grande passo in avanti in confronto al passato.

Come arriva il Milan

Dal punto di vista degli infortuni, è bene mettere in evidenza come il Milan sia riuscito a recuperare il laterale di difesa Alessandro Florenzi, che può rappresentare senz’altro un’ottima opzione da sfruttare a partita in corso. Da notare anche come i fastidi e le noie fisiche occorsi a Calabria e a Tonali si sono risolti e, di conseguenza, saranno sicuramente entrambi della partita.

È chiaro che il pareggio colto in Champions League con il Porto non garantisce slanci di entusiasmo particolari, ma il derby è una di quelle partite in cui le motivazioni si trovano da sole. Impossibile non farsi trascinare dalla carica del grande ex, ovvero Ibrahimovic, che avrà tutta la voglia di risolvere la partita in prima persona, dimostrandosi ancora il giocatore più forte del campionato, nonostante il passare degli anni. Detto questo, è facile notare, anche secondo Nando Orsi, che uno dei potenziali protagonisti della partita sarà Theo Hernandez, dato che l’esterno francese può spaccare in due la partita in qualsiasi momento grazie alla sua velocità.