Connettiti con noi

News

Ibra: «Pensavo di ritirarmi ma poi Raiola mi disse “il Milan ha bisogno di te”»

Pubblicato

su

Ibrahimovic ha parlato del proprio rapporto con Raiola e delle parole che lo spinsero ad accettare il Milan anziché il ritiro

Intervistato da Sport Bladet, Zlatan Ibrahimovic ha rivelato come un anno fa non era sicuro di continuare a giocare: «Volevo entrare in un nuovo capitolo della vita. Stare con la famiglia ogni giorno, ripercorri la propria vita in quella dei miei figli. Giocando a calcio si passa molto tempo lontano dalla famiglia e mi mancano molto i miei ragazzi. Ma poi Mino Riola dice: “Devi finire in Europa! Devi dimostrare di essere tornato al livello più alto, che puoi farlo! Fai solo sei mesi a Milano, dopodiché puoi smettere. Allora la gente ricorderà che sei arrivato in Europa, al vertice ”. Ho parlato molto con Mino e lui mi disse “Non devi fermarti! Devi giocare finché non sarò marcio, più o meno. Vuole solo che vada avanti, vada avanti e sa come innescarmi. Ha detto: “È troppo facile smettere dagli Stati Uniti e il tuo addio non dovrebbe essere facile”».

MILAN O BOLOGNA – «Mihajlović si è ammalato. Gli ho parlato e lui ha detto: “Vieni a Bologna”. Ho detto: “Ascolta! Per te vengo gratis, nessun problema. Io verrò ad aiutarti ”. Ma la situazione era se dovessi terminare la mia carriera o meno – così gli ho detto: “Sarò onesto, non sono più lo Zlatan di dieci anni fa, quello che eri abituato a vedere. “Ibra” com’era a Milan, Inter, Juventus, è una persona completamente diversa».

LA SCELTA – «In quel periodo il Milan aveva perso in maniera disgustosa contro l’Atalanta (5-0 ndr). Quindi sono state Bologna e Milan ad innescarmi, a darmi la massima adrenalina ma non si tratta di contratti. Se smettessi di giocare a calcio oggi, avrò cibo in tavola ancora per molte vite. Si tratta di: “Come posso ottenere la massima adrenalina?”. Ogni giorno quando ti svegli alle otto – alle sette – hai dolore al corpo, ma devi andare in palestra e fare tutto quello che fai per sentirti fresco. Per affrontarlo ogni giorno devi far pompare l’adrenalina, devi essere motivato. Devi avere obiettivi che vuoi raggiungere, con cui vuoi avere successo. Allora ho detto a Mino: “Chi ha più bisogno di me?” Ha semplicemente: “Milan! Solo tu puoi fare del Milan quello che era il Milan tanti anni fa ”».

LO SCETTICISMO –  «Nella mia testa avevo uno scenario, una visione. La stessa sfida che volevo affrontare era quasi, Non impossibile, perché niente è impossibile ma era molto difficile vista la situazione. Tutti dicevano: “Ha 39 anni! Cosa farà lì? ” Ricordo la prima domanda che ho ricevuto in conferenza stampa quando ho firmato per il Milan: “Tutti quelli che sono tornati al Milan hanno fallito, perché dovresti riuscirci?”. Poi ho semplicemente risposto: “Perché non ho mai perso la passione per quello che faccio”. Questo è esattamente ciò che mi innesca e mi fa venir voglia di fare di più. Questo è il motivo per cui mi alzo alle sette ogni mattina quando mi fa male tutto il corpo ma mi alleno per migliorarmi e aiutare i miei compagni».