Genoa-Milan, cambia l’orario: non si giocherà alle 21

Milan-Genoa
© foto Twitter @ACMilan

Genoa-Milan non si giocherà alle 21, dovrebbe essere questa la decisione definitiva a meno di clamorosi ribaltoni di questi giorni

Genoa-Milan non si giocherà in notturna, è quanto emerge a seguito delle parole del ministro Salvini, il quale aveva chiesto maggiore attenzione in vista della gara in programma lunedì 21 Gennaio a Marassi. In particolar modo aveva chiesto maggiore attenzione per le gare in notturna. L’Osservatorio si porta dietro le parole del ministro e Genoa-Milan è finita sotto la lente d’ingrandimento in un momento storico nel quale si torna a parlare di scontri tra tifosi, dopo un lungo periodo di calma apparente. La partita, come detto, inizialmente prevista per il 21 gennaio alle ore 21, dovrebbe essere spostata alle ore 15. «Viste le complicazioni ambientali note tra le due tifoserie, mi piacerebbe che la partita si giocasse alla luce del sole». Queste le parole di Salvini, un’altra decisione destinata sicuramente a scatenare polemiche, essendo le 15 un orario lavorativo per i tifosi delle due squadre.

Certo, non sarà semplice spostare la gara ma, secondo Il Corriere dello Sport, l’iter burocratico è già partito, con lettera del presidente dell’Osservatorio che si appellerà a motivi di opportunità (ci sono precedenti) rivolgendosi al presidente della Lega. La sfida di Genova dovrà essere spostata alle 15, probabile a questo punto che alle 21 si giochi Juventus–Chievo, con il benestare di Sky, disposta a ragionare su questi termini. La Lega, per questa circostanza, dovrà accettare determinate condizioni ma sembra essere meno incline allo spostamento di Milan–Napoli del 26 gennaio, altra gara prevista in notturna, con i tifosi azzurri che tornano a Milano dopo i fatti di Dicembre.