Ora è il momento delle decisioni forti, la palla a Leo e Maldini

Leonardo Maldini
© foto Milan Tv

Non c’è più tempo, bisogna prendere le decisioni importanti per il futuro del Milan. La Champions League si sta allontanando

LIMITI – Fosse solo una questione di mentalità si potrebbe sperare nel breve periodo di trovare una squadra in grado di risalire la china. Invece, probabilmente la rosa non è al livello dei primi quattro posti e l’allenatore ha dei limiti tattici dettati dall’inesperienza. I tifosi sono molto affezionati a Gattuso e talvolta riconoscono l’impegno della squadra, ma i punti persi per strada sono già troppi per puntare ad obiettivi ambiziosi. Evidentemente ci sono dei limiti sia in campo che in panchina che vanno al più presto colmati anche con soluzioni drastiche.

INNESTI – Il reparto che necessità di maggiori innesti è sicuramente il centrocampo. I tre nel mezzo non danno garanzie per tutta la stagione e non hanno ricambi di qualità. Lo stesso Bakayoko non ha ancora convinto Gennaro Gattuso. Leonardo e Paolo Maldini stanno pensando a due o tre rinforzi nella sessione di gennaio: le risorse purtroppo non sono tante (anche se in questo senso Elliott potrebbe fare un piccolo sforzo) e verranno utilizzate per un centrocapampista di prospettiva e un attaccante in grado di giocare anche sull’esterno. Sul taccuino di Leo ci sono Barella e Tonelli, oltre a Fabregas e Depay. Le valutazioni verranno fatte solo quando Ringhio avrà confermato la propria panchina a suon di risultati.