Gattuso e la lumaca viva: rossoneri, ora mangiatevi la Juve

Gattuso
© foto www.imagephotoagency.it

Gennaro Gattuso ha raccontato un incredibile episodio relativo a MIlan-Manchester United. Speriamo che i rossoneri domani giochino con il cuore

Gennaro Gattuso in conferenza stampa ha rispolverato un episodio risalente al famoso Milan-Manchester United in cui Kakà e compagni demolirono i Red Devils: «Ho sempre creduto che, per essere una grande squadra, ci vuole un grandissimo spogliatoio. E’ il gruppo che ti fa vincere le coppe e i campionati. Il singolo ti fa vincere 1-2 partite. Siccome non mi fa schifo nulla, in quel momento, era il giorno di Milan-Manchester e veniva giù un’acqua pazzesca. Tutti a dirmi che non avevo coraggio di mangiarmi la lumaca viva. La cosa ha aiutato a sdrammatizzato». Un epiodio forse più simbolico che utile, ma che sicuramente rende l’idea di quanto Ringhio sia capace di trascinare il gruppo.

FINALE – Con una Juventus cannibale in Italia il Milan dovrà fare l’impresa a Roma nella finale di Coppa Italia. Alcuni giocatori come Jack Bonaventura e Ignazio Abate ancora ricordano la sconfitta nel 2015 con il gol di Alvaro Morata nei tempi supplementari. Altri ancora, come Gigio Donnarumma e Suso proveranno a ripetere l’impresa di Doha quando il Milan confisse ai rigori i bianconeri in Supercoppa Italiana. Proprio gli stimoli potrebbero riequilibrare i valori in campo che sulla carta sembrano tutti a favore dei bianconeri.

LUMACA – Come ha giustamente detto Bonucci oggi, il ciclo di una squadra parte con un trofeo. Motivo per cui una vittoria avrà ancora più valore nel percorso di crescita della rosa di Gennaro Gattuso. Senza contare che darebbe lustro alla nuova proprietà cinese allontanando (almeno per un po’ di tempo) le questioni societarie. Domani sera toccherà ai giocatori rossoneri mangiare la lumaca. Rino, a suo tempo, lo fece.

Articolo precedente
GattusoGattuso: «Domani sarà come una Finale di Coppa del Mondo, per riportare l’entusiasmo occorre un trofeo»
Prossimo articolo
Stampa RassegnaLa rassegna del 9 maggio 2018