Connettiti con noi

HANNO DETTO

Gasperini: «Ho visto un Milan forte. Atalanta anche sfortunata»

Pubblicato

su

Gian Piero Gasperini ha parlato al termine della sfida tra Atalanta e Milan, vinta dai rossoneri. Le parole del tecnico nerazzurro

Gian Piero Gasperini ha parlato al termine della sfida tra Atalanta e Milan, vinta dai rossoneri. Le parole del tecnico nerazzurro rilasciate a Dazn.

LA GARA – «Abbiamo preso gol dopo meno di trenta secondi e un altro alla fine del primo tempo. Nel mezzo abbiamo avuto delle buone possibilità per pareggiare ma anche se fosse finito solo 0-1 il primo tempo ci sarebbero state più possibilità nella ripresa. Il Milan è stato molto pericoloso e molto bravo nel ripartire. È chiaro che la partita si sia messa nelle migliori condizioni per loro e se non la raddrizzi subito diventa difficile».

SFORTUNA «In qualche situazione noi non siamo stati fortunati, come ad esempio quando Pessina si è fatto male in un momento in cui stava facendo molto bene . È un periodo non buono ma abbiamo avuto le nostre occasioni».

SOSTITUZIONI – «Mi aspettavo più conclusioni in porta ma ciò non è avvenuto anche perché sia Ilicic sia Muriel non sono al meglio della loro condizione in questo momento. Nel secondo tempo, con più attaccanti, abbiamo creato meno rispetto al primo».

INFORTUNI – «Gosens e Hateboer staranno fuori ancora un paio di mesi, quindi non ci possiamo pensare ora. Abbiamo delle soluzione che ho adottato anche stasera. Mi spiace fare cambiamenti tattici ma possiamo effettuarli in certe partite».

MILAN – «Ho visto un Milan forte e molto veloce, con caratteristiche che li fa diventare molto insidiosi. Poi è chiaro che ogni partita abbia la propria storia. I rossoneri mi hanno fatto una buona impressione».

BRAHIM DIAZ – «È il calciatore che ci ha dato più fastidio perché ha giocato troppi palloni e andavamo tardi a contrastarlo».

THEO HERNANDEZ – «Non siamo stati bravi a scalare su di lui. Sapevamo che gli piace entrare dentro al campo quando riceve palla. Abbiamo preso il primo gol su un suo passaggio per Calabria in un punto in cui eravamo in superiorità numerica».

ILICIC – «Le sue ultime sette panchine consecutive sono frutto della scarsa condizione attuale. L’Ilicic che ricordiamo noi sarebbe importante per l’Atalanta ma non si può andare all’infinito. Si allena bene e cerca di risalire. Non è facile né per lui né per noi ma è chiaro che in questo momento facciamo fatica».

Milan News 24 – Registro Stampa Tribunale di Torino n. 48 del 07/09/2021 – Editore e proprietario: Sportreview s.r.l. – PI 11028660014 Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a A.C.Milan S.p.A. Il marchio Milan è di esclusiva proprietà di A.C. Milan S.p.A.