Esonero Sarri: il precedente di Benitez lascia sperare i rossoneri

Sarri
© foto www.imagephotoagency.it

La situazione di Maurizio Sarri al Chelsea è simile a quella vissuta da Rafael Benitez nel 2012/2013. Ecco le analogie

Maurizio Sarri oggi ha sorvolato sul possibile addio al Chelsea al termine della stagione. Il tecnico è conteso al momento da Juventus, Milan e Roma, ma prima deve parlare con la dirigenza londinese per programmare il proprio futuro. Il DG del Chelsea Marina Granovskaia sarebbe però intenzionata ad esonerare l’allenatore a prescindere dall’esito della finale di Europa League. La qualificazione in Champions League (terzo posto in Premier League) e la conquista del trofeo continentale, Arsenal permettendo, non saranno sufficienti per la conferma.

Un precedente interessante è quello rappresentato da Rafael Benitez. Lo spagnolo nella stagione 2012/2013 portò i Blues al terzo posto in campionato dopo una stagione tra alti e bassi. A maggio, tuttavia, conquistò l’Europa League in una finale emozionante contro il Benfica terminata 2 a 1. Ebbene, in quel caso Roman Abramovich deciso comunque per l’esonero di Benitez (poi approdato proprio in Italia alla guida del Napoli) nonostante il trofeo appena vinto. Sarri potrebbe rimanere vittima dello stesso trattamento da parte di Roman Abramovich che non è per nulla soddisfatto del livello di gioco del Chelsea negli ultimi mesi.

In questo senso il Milan potrebbe inserirsi con facilità, a differenza di quanto accaduto nei mesi scorsi con Antonio Conte, al centro di un contenzioso con il club inglese.