Elliott proporrà due linee di mercato a Gattuso, sarà Righio a decidere

Gattuso
© foto www.imagephotoagency.it

Elliott ha le idee chiare per il calciomercato. Tramite Leonardo arriveranno due proposte a Gennaro Gattuso

Tra pochi giorni il calciomercato del Milan entrerà nel vivo. Domani potrebbe essere ufficiale l’addio di Massimiliano Mirabelli (ipotesi rescissione contrattuale) dopo quello di Marco Fassone. La sessione estiva verrà gestita dal neoarrivato Leonardo, l’ex dg del Psg. Fino a quando il quadro dirigenziale non sarà completo, non verranno fatte operazioni perché il fondo americano non vuole interferenze o progetti a metà (motivo per cui ha mal digerito l’arrivo di Halilovic).

BUDGET – Per evitare altri problemi con la Uefa, Elliott avrà un occhio di riguardo per il bilancio che dovrà tornare in pareggio o, al massimo, in piccola perdita. In questo senso per il calciomercato non verrano stanziate grandi cifre: si parla di un budget per Leonardo di circa 40-50 milioni. Questa cifra può essere considerata il biglietto da visita degli americani per comprare l’attaccante che serve a Gennaro Gattuso.

CESSIONI – Ringhio aveva parlato poche settimane fa (in seguito ad un colloquio con Mirabelli) di tre innesti necessari: il centravanti, una mezzala e un esterno d’attacco. Difficile che possano arrivare giocatori in tutti e tre i ruoli senza almeno una cessione. Ci sono quindi due ipotesi: provare a monetizzare dai vari Kalinic, Bacca, Montolivo, Gomez, Zapata, Antonelli e Locatelli oppure cedere i big. La prima strada, nella migliore delle ipotesi, porterebbe una sessantina di milioni. La partenza di Suso e Donnarumma, invece, farebbe incassare ai rossoneri circa 100 milioni di euro.

GATTUSO – Spetterà a Gattuso, in accordo con la società, stabilire la linea da seguire. Si potrebbe puntare su tre grandi acquisti da 50 milioni l’uno con la vendita di Suso e Donnarumma oppure mantenere l’ossatura dello scorso anno vendendo solo gli esuberi. In quest’ultimo caso, oltre al grande bomber, potrebbe arrivare soltanto un centrocampista, con Halilovic che potrebbe diventare il nuovo Suso in caso di necessità.

Articolo precedente
GasperiniTas, non solo Fiorentina: anche Gasperini critico con la decisione del tribunale svizzero
Prossimo articolo
Milan, dopo Leonardo è il turno del nuovo ds. Spunta anche un’altra idea