Connettiti con noi

News

È arrivata la fine di CR7 come la conoscevamo?

Pubblicato

su

Anche il Portogallo è uscito dagli Europei. Se già Cristiano Ronaldo sembra essere giunto alla fine del suo rapporto con la Juventus forse la sua prestazione lo conferma.

È sempre un grandissimo giocatore ed un pericolo per le squadre avversarie, tuttavia ha anche raggiunto un’età considerevole per lo sport che pratica. Spesso ci lasciamo confondere da alcuni luoghi comuni e ci fidiamo troppo di nomee esagerate. Alcuni credono che l’unico modo comodo per divertirsi sia scommettere sui propri club puntando sulla squadra vincente o perdente o sui gol, mentre invece ci sono tantissime alternative per divertirsi come le slots online presenti sui casinò online svizzeri. Questo modo di pensare influisce anche sulla credenza di acquistare un solo giocatore che possa far vincere un campionato alla squadra. Invece come sappiamo non è così ad eccezione di alcuni nomi come Maradona. Anche Allegri non è entusiasta della prestazione del giocatore portoghese.

Secondo la stampa francese, Massimiliano Allegri, tornato sulla panchina della Juve, non sembrerebbe particolarmente propenso a tenere Cristiano Ronaldo perché vuole fare di Paulo Dybala il suo leader d’attacco. Tutti questi fattori hanno riacceso le voci che CR7 potrebbe essere diretto al PSG questa estate. Con il Portogallo che è stato eliminato dal Campionato Europeo UEFA negli ottavi di finale, Cristiano Ronaldo può ora concentrarsi sul suo futuro con maggiore tranquillità. La Juventus aspetta con impazienza.

Il loro rapporto inoltre non è dei migliori come informano molte testate. A rivelare nuovi dettagli sul rapporto tra Allegri e Cristiano Ronaldo ci ha pensato Giovanni Galeone, maestro di Max. In un’intervista per Tuttosport, l’ex allenatore ha in primis elogiato le doti del suo allievo, definendolo come una persona di polso. In secondo luogo, si è appunto concentrato sui presunti screzi con CR7. “Allegri non ha problemi con Cristiano“, ha immediatamente chiarito Galeone, che però ha aggiunto: “Se Ronaldo resta, bene, ma se dovesse andare via Max non si dispererebbe”. Un messaggio chiaro che apre importanti scenari per il calciomercato. Il 5 volte Pallone d’Oro è un calciatore di assoluto valore, ma non così indispensabile per Allegri, che, in caso di partenza, non avrebbe problemi a costruire una Juventus altrettanto competitiva. Spazio dunque alle trattative. L’estate bianconera sarà bollente. Questi aggiornamenti sono possibili grazie al lavoro di testate come calciomercato.it e calciotoday.

La permanenza di Cristiano Ronaldo presenta inevitabili risvolti anche in sede di calciomercato o puramente tattici. Se alla fine dovessero restare sia Ronaldo che Dybala, la dirigenza potrebbe optare su un Under 23 dai costi non troppo elevati, da far crescere all’ombra dei big in attacco. Difficile pensare a piste più onerose, come potevano essere quelle che conducono a Vlahovic o Gabriel Jesus, a meno che il Manchester City non dovesse aprire a un prestito con condizioni particolari.

Advertisement