Donnarumma, il passato è alle spalle: Milan e nazionale per pianificare un grande futuro

Donnarumma
© foto www.imagephotoagency.it

Donnarumma cresce, la prestazione con la Polonia conferma il trend in rialzo del portiere di Gattuso, il quale lo attende per il Cagliari

Qualche giorno fa avevamo parlato di un Donnarumma in crescita, venerdì con la maglia azzurra, il numero uno del Milan ha dato conferma di quanto i fantasmi del blocco psicologico siano sempre più lontani. Prima di partire per Coverciano, quelle dichiarazioni piene di entusiasmo e poi in partita, quella parata grandiosa su Zielinski, notevole anche quella su Krychowiak. Scagionato sul goal, per il resto Gigio non ha fatto rimpiangere  Buffon, ed ora dovrà confermarsi martedì sera contro il Portogallo. «Spero di essere il numero uno, ma qui siamo tutti ottimi portieri e ci alleniamo al massimo. La scelta spetta al mister». Così Donnarumma in un’intervista a Rai Sport.  Mancini crede fortemente in lui, esattamente come Gatttuso, il quale anche quest’anno gli riserva piena fiducia, nonostante la concorrenza con Pepe Reina. Dunque il numero 99 rossonero si starebbe riprendendo ciò che l’anno scorso sembrava ormai perduto, complice il clima di grande insicurezza.

AMBIENTE SERENO- Il cambio di società è un segnale molto gradito anche a Mino Raiola, dopo il palese scontro di intenti con Massimiliano Mirabelli. Raiola ha contatti frequenti con Leonardo, con il quale starebbe lavorando anche al rinnovo di Bonaventura. Al momento il programma non prevederebbe nessun incontro, ma nei dialoghi delle ultime settimane si è parlato anche di Donnarumma. Il Milan come detto ha piena fiducia nel proprio portiere, il quale dovrà solo continuare a lavorare per lasciarsi il passato alle spalle. La concorrenza? soltanto un ulteriore stimolo: «Diciamo che ti da tantissimi stimoli extra. Nel club la sto vivendo ma non è un problema, la vivo in maniera tranquilla perché so che ci può dare moltissimo». Insomma possiamo dirlo, Gigio è tornato quel giovane campione capace di prendersi tutto, neanche maggiorenne. Ora di anni ne ha 19, 138 gare con la maglia del Milan ed un posto da titolare in campionato; la coppa molto probabilmente andrà a Reina, altro grande in casa Milan.

Articolo precedente
BakayokoRodriguez assistman, Bakayoko batte un colpo: ecco le indicazioni per Gattuso
Prossimo articolo
Filippo GalliFilippo Galli, che stoccata alla vecchia dirigenza! Intanto per il futuro si aprono due strade