Connettiti con noi

HANNO DETTO

Conferenza stampa Pioli: «Vogliamo un Milan competitivo anche in Champions»

Pubblicato

su

Conferenza stampa Pioli: il tecnico rossonero presenta la nuova stagione. Segui con noi le parole in diretta live

Conferenza stampa Pioli: il tecnico rossonero presenta la nuova stagione. Segui con noi le parole in diretta live.

Sul finale di stagione – «Ce la siamo goduta tutta, ma per pochi giorni. Poi abbiamo pensato al futuro, alla prossima stagione. Ci siamo subito portati sulla nuova stagione. Abbiamo fatto qualcosa di buono e siamo molto soddisfatti, ma adesso è un’altra stagione. Oggi è il primo giorno, è emozionante e sarà bello rivedere i miei giocatori»

Sul raduno – «Abbiamo cominciato in anticipo forse, ma con l’obiettivo di fare le cose giuste, con calma ed efficacia. Vogliamo sfruttare bene questo periodo. Abbiamo avuto un grande dispendio di energie, ma i ragazzi hanno avuto il tempo di recuperare. La stagione arriverà velocemente e vogliamo essere protagonisti»

Sul mercato – «Vogliamo tutti un Milan competitivo e dare continuità al nostro percorso. Dobbiamo ancora crescere e migliorare, dobbiamo migliorare anche la qualità dei nostri giocatori per avere un Milan competitivo. E’ normale che preferirei avere tutta la rosa a disposizione oggi, ma conosco il mercato e so che serve pazienza. Faremo le cose fatte bene per avere un Milan competitivo»

Sugli obiettivi – «Mi auguro che la prossima stagione veda i tifosi allo stadio e quindi vivere quelle emozioni che ci sono mancate. Un ritorno alla normalità per il calcio. Siamo una squadra competitiva che si deve confermare ad alti livelli. Ci sarà da battagliare in Italia con le migliori 7 squadre. Anche in Champions vogliamo cercare di essere competitivi. Proveremo a essere una sorpresa anche l’anno prossimo»

Su Kessie – «E’ cresciuto tanto ed è molto forte. Può crescere ancora di più. Sappiamo quanto è importante. L’ho sentito durante le vacanze. E’ sereno e motivato. Tornerà forte come prima»

Su Calhanoglu e Donnarumma – «Sono legato a tutti i giocatori che ho avuto l’anno scorso. Gigio e Calha hanno dato tanto fino all’ultimo giorno. Sono sicuro oggi di trovare un gruppo motivatissimo. Sappiamo cosa manca, ma il mercato è lungo. Abbiamo bisogno di giocatori di qualità .Li ringrazio per tutto quello che hanno dato. Hanno fatto le loro scelte e noi abbiamo la nostra strada. Vogliamo confermarci con unione e condivisione. Vogliamo fare il miglior calcio possibile »

Sulla Champions  – «Difficile pensare o prevedere quello che può succedere. Sarà il campo a determinare il successo della nostra stagione. La Champions è sicuramente un obiettivo centrale. Dobbiamo completare la squadra e prepararci bene. Vogliamo essere competitivi»

Sul prossimo capitano – «Il capitano è sempre stato Romagnoli. La forza della nostra squadra è che ha più capitani. Stabiliremo anche il vice»

Sulla classifica – «Vogliamo confermarci ad alti livelli. Ora sono solo parole di cui possiamo riempirci la bocca. Vogliamo provare ad essere i migliori sul campo. Essere ambiziosi vuol dire desiderare di migliorare, di dare tutto per superare gli avversari. Quello che sarà il risultato finale ora è troppo difficile da dire»

Sul sostituto di Calhanoglu – «La squadra ha bisogno di qualità. Non sono ancorato a posizioni fisse. Il nostro sarà un sistema fluido, cambieremo costruzione e fase difensiva di partita in partita. Non pretendo posizioni fisse. Mi interessa che sia un giocatore di qualità, che vuole il Milan e che voglia crescere con noi raggiungendo i migliori successi»

Su Ibra – «Ci siamo sentiti tutti i giorni. I professori dell’intervento erano soddisfatti. Oggi l’ho trovato bene. Ci vogliono ancora due settimane prima di vederlo in campo a correre. L’ho visto sereno e motivato. Speriamo di averlo a disposizione presto»

Su Kjaer – «Ci siamo sentiti. Molti si sono sorpresi della sua lucidità, non noi. Conosciamo bene le doti del calciatori ma soprattutto dell’uomo. Ci sentiremo nei prossimi giorni per il suo riposo. Ha fatto un grande Europeo. Vogliamo averlo al top per l’inizio della stagione»

Su Calhanoglu – «Mi aspetto tanto da tutti, in primis da me stesso. Si può sempre fare meglio. Abbiamo fatto bene ma dobbiamo crescere ancora. Più continuità e crescita. Tranne Zlatan tutti sono ragazzi che non hanno raggiunto il massimo del loro potenziale. Questo mi da grande stimolo. Questi ragazzi sanno che possono crescere ancora»

Su Tomori – «Tomori ha dimostrato delle caratteristiche importantissime, si è subito calato nel nostro sistema. Mi piacciono i giocatori che danno il 110% e lui lo fa. La società ha fatto un grande sforzo per tenere un giocatore che può diventare molto importante. Per quanto riguarda il mercato abbiamo la nostra strategia, vedremo quello che succederà»

Sulla concorrenza – «Le 7 squadre saranno tutte con lo stesso obiettivo. Di rimanere nelle prime 4 posizioni. Sarà molto stimolante con i ritorni di Allegri, Sarri, Spalletti e Mourinho. Spiace che non ci sia Conte. Saranno partite da preparare bene. Potersi confrontare con questi allenatori sarà occasione di miglioramento per tutti»

Su Leao – «Spero sia l’anno del Milan. Da tutti i miei giocatori mi aspetto una crescita. Rafa può migliorare, mi aspetto tanto da lui. Ci ho parlato poco fa. Adesso l’importante è rompere il ghiaccio e ripartire carichi e motivati per un’altra stagione all’altezza»

Sul rinnovo di Kessie – «So che Franck sta bene qui con noi, oltre non posso dire»

Su Tonali – «Non è ancora ufficiale. Sarei molto contento della sua conferma. Sono aperto a tutte le soluzioni. Gli equilibri in campo verranno trovati per permettere alla squadra di fare la partita»

Sugli infortuni – «L’anno scorso è stata una stagione complicata. Siamo partiti prima per avere una preparazione più mirata, per prevenire gli infortuni»

Su Maignan – «Ho già parlato con Mike. Ottimo ragazzo e portiere, è molto motivato di stare con noi. Arriverà carico e pronto per fare bene»

Sulle variazioni tattiche – «L’ho sempre fatto. Essere imprevedibili è una situazione molto vantaggiosa. Proveremo cose diverse di partita in partita».