Tonali conferenza integrale: «Siamo pronti a spaccare il mondo. Ibra idolo»

Conferenza Tonali
© foto www.imagephotoagency.it

Tonali conferenza integrale LIVE: segui le parole del nuovo centrocampista del Milan in diretta su Milan News 24

Tonali conferenza integrale LIVE: come vi avevamo anticipato nei giorni scorsi, oggi alle ore 13.15 da Milanello il nuovo centrocampista del Milan risponderà alle domande pervenute dai giornalisti attraverso i microfoni dell’ufficio stampa del club rossonero.

Tonali conferenza LIVE

PASSIONE MILAN – «La mia passione per il Milan parte dai colori rossoneri del Sant’Angelo, la mia prima squadra e della passione dei miei concittadini e di mio papà per il Milan». 

STAGIONE IMPORTANTE – «Se vieni a giocare al Milan qualsiasi stagione è importante. Il mister mi ha detto cosa si aspetta da me e mi farò trovare pronto». 

PRESSIONE – «Se si riesce a respingere gli elogi quando ne hai pochi riesci a farlo anche quando diventano tanti. Devo pensare solamente al campo. Ho guardato la mia presentazione ma poi ho smesso, cerco di guardare la tv il meno possibile». 

RAPPORTO CON CELLINO – «Era la maglia che volevo indossare da un po’ di tempo. Con Cellino avevo un ottimo rapporto, parlavamo poco ma mi capiva. Lui mi disse “Fai la tua scelta e io ti mando dove vorrai”, così ho chiesto al presidente di fare questo sforzo nei miei confronti. Si è dimostrato una persona super». 

LIVELLO DEL MILAN – «Il livello è molto alto e c’è tanta voglia di vincere, di giocare e di non sbagliare mai. Ibra e il mister hanno contribuito a costruire un gruppo compatto che ha tanta voglia di dimostrare cosa è capace di fare». 

FORMA – «Siamo già pronti come abbiamo visto dalle prime amichevoli che abbiamo fatto. Sicuramente la prima gara ufficiale sarà diversa ma ci sarà ancora più voglia di spaccare il mondo». 

MODULO – «Il modulo per me non è importante, centrocampo a due o a tre è la stessa cosa. Ciò che importa è saper stare in campo». 

CONSIGLI – «Uno dei consigli che seguirò sarà quello di Cellino che mi ha detto di continuare ad essere così e di giocare come se stessi ancora nel Brescia». 

LA TRATTATIVA – «L’effetto è stato bellissimo. Quando ho capito che sarei potuto andare al Milan ho chiuso le porte a tutti: dovevo venire qui per forza e così è stato. La prima volta che ho conosciuto i direttori è stato fantastico».

GATTUSO – «Gattuso era ed è il mio idolo anche oggi che allena, la sua maglia era libera e per me ha vari significati». 

ALLENAMENTI – «Dobbiamo allenarci come stiamo facendo, l’allenamento è la chiave per poter iniziare un cammino veramente importante. Negli ultimi sei mesi è stato molto difficile farlo prima per la quarantena e poi per gli scontri ravvicinati. Ora si riprenderà con una partita ogni 4-5 giorni e questo faciliterà leggermente le cose. La miglior cosa è pensare partita per partita, così si potrà andare avanti». 

DANIEL MALDINI – «Giocare con Daniel non mi fa un effetto particolare perché in campo non guardi in faccia nessuno, però vederlo a Milanello e poter dividere lo spogliatoio con lui è stata una botta». 

PARTITE STORICHE – «Vorrei rigiocare la finale con il Liverpool che quella di Manchester, soprattutto gare di Champions. Ricordo Milan-Chievo del marzo 2010 in cui fece gol di Seedorf nei minuti di recupero, è un gran ricordo perché lo stadio si stava svuotando ma sentimmo un boato incredibile». 

CENTROCAMPO A 3 O A 2 – «Quando si gioca a tre la palla passa più volte da te perché sei l’unico vertice basso, a due i movimenti sono più legati a quelli del tuo compagno ma sono abituato a giocare in un centrocampo a 4». 

INTERESSE DELL’iNTER – «Se n’è occupato il mio procuratore che ha gestito tutto in autonomia perché c’è molta fiducia tra me e lui. Appena ha saputo del Milan mi ha chiamato perché sapeva della mia passione». 

IBRAHIMOVIC – «Ibrahimovic l’ho visto l’anno scorso e in precedenza 10 anni fa da tifoso allo stadio. Sapere di poter giocare con lui è una cosa bellissima perché è un idolo, sicuramente è una persona da ammirare».

AI TIFOSI – «Bisogna vincere partita per partita, non guardare cosa possiamo fare tra 6-8 mesi ma pensare di lavorare mettendo mattone su mattone costruendo la nostra casa che può diventare il nostro fortino e vincere insieme». 

PRONTO PER IL MILAN – «Stiamo lavorando sia a livello fisico che mentale, ero fermo da molto e quindi raggiungere il 100% di me stesso è una cosa complicata. Ogni giorno sono sempre più pronto ma manca davvero poco». 

OBIETTIVO CHAMPIONS – «Il clima nello spogliatoio è sereno e ci vogliamo bene, che è la cosa che conta di più. La Champions è un obiettivo ma non è il momento per pensarci». 

Conferenza Tonali: dove seguirla in streaming e tv

Domani alle ore 13:15 conferenza di presentazione di Sandro Tonali da Milanello. Per seguire in diretta le parole del nuovo centrocampista del Milan basta restare collegati a Milan News 24 per la trascrizione in diretta o guardarla LIVE sull’App ufficiale del Milan e su Milan TV.

L’arrivo di Tonali al Milan

Sandro Tonali è arrivato al Milan dopo essere stato trattato lungamente dall’Inter nel corso di questa estate: a fare la differenza – ha affermato il presidente del Brescia Cellino – è stata la volontà del giocatore di vestire i colori che ha sempre sognato sin da bambino. In più di un’occasione, infatti, è stato lo stesso Tonali ad ammettere di essere un tifoso del Milan e di avere in Gennaro Gattuso il proprio idolo. Una volta ufficializzato l’arrivo in rossonero, Sandro Tonali ha fatto il proprio esordio in amichevole contro la sua ex squadra il Brescia indossando proprio la maglia numero 8 del suo idolo di infanzia. Queste le sue prime parole da rossonero: «Ho realizzato il mio sogno».

Tonali al Milan: i costi dell’operazione

Il costo complessivo dell’operazione Tonali, per il Milan, è di 35 milioni di euro. 10 milioni spesi subito per il prestito oneroso, mentre è fissato a 15 il diritto di riscatto a cui vanno ad aggiungersi altri 10 milioni di bonus legati a presenze e obiettivi da raggiungere nel corso delle prossime annate. Per Tonali contratto quinquennale con il Milan dallo stipendio base di 2 milioni a salire.