Portogallo-Italia, Mancini ci prova cambiando molto: ok Donnarumma, c’è Bonaventura

© foto www.imagephotoagency.it

L’Italia si gioca molto questa sera contro il Portogallo, oltre al primo posto c’è in ballo anche il futuro di Roberto Mancini

Dopo il deludente pareggio con la Polonia, l’Italia si riaffaccia sul “campionato europeo”, questa volta contro il Portogallo, una squadra “orfana” di Cristiano Ronaldo ma nettamente in crescita, come dimostrato anche al mondiale di Russia. Questo per dire che se la nazionale polacca ci ha messo in crisi, il Portogallo non sarà da meno. Tra le squadre visionate in questi giorni, spicca certamente la Francia per senso tattico e forza fisica. Anche la Spagna non è da meno per quantità e qualità di gioco prodotti, contro un’Inghilterra ancora troppo legata alla propria tradizione (grandi club ma nazionale in difficoltà). Attenzione anche al 6-0 della Svizzera sull’Islanda. Risultati chiaramente da invidiare in un periodo come questo, Mancini è appena arrivato e dunque siamo ancora nella fase retorica del “diamogli tempo”, anche se la sensazione che traspare dal campo è un’altra rispetto alle reali responsabilità del tecnico: i giocatori (singolarmente dei buoni giocatori) sembrano correre la metà rispetto a quanto visto da Francia e Spagna, solo per fare un esempio. In casa propria non si può lasciare che la Polonia domini il gioco, è chiaro che c’è un problema motivazionale alla base, come se mancasse quello stimolo a dare il massimo anche con una squadra sulla carta più debole.

DONNARUMMA E BONAVENTURA- Veniamo al punto su quelle che saranno le probabili  scelte di Mancini, le quali determineranno il primo posto nel gruppo, oppure un’eventuale retrocessione. Donnarumma confermato tra i pali dopo la prestazione più che incoraggiante di venerdì sera, Bonaventura andrà invece a fare l’esterno sinistro nel centrocampo a 3. Formazione dunque rimaneggiata per trequarti, a questo punto Mancini potrebbe anche pensare di togliere uno tra Bonucci e Chiellini per dare spazio a Caldara e Romagnoli, molto probabilmente inseriti a partita in corso.

PORTOGALLO (4-3-3): Rui Patricio; Cancelo, Pepe, Ruben Dias, Mario Rui; Pizzi, Ruben Neves, William Carvalho; Bernardo Silva, André Silva, Bruma.

ITALIA (4-3-3): Donnarumma; Zappacosta, Bonucci, Chiellini, Criscito; Gagliardini, Jorginho, Bonaventura; Berardi, Immobile, Chiesa.

Articolo precedente
Ricardo KakàKakà, dal Brasile c’è già un nome per il centrocampo: forza, velocità e classe – VIDEO
Prossimo articolo
san siroStadio Meazza, Milan ed Inter verso una risoluzione storica: accordo molto vicino