Milan, trattativa in stato avanzato con il fondo Highbridge

Yonghong Li Milan
© foto www.imagephotoagency.it

Il Milan, oltre al campo, deve pensare anche all’aspetto economico. Nel campo economico il Milan sta combattendo due sfide importanti

Il Milan è impegnato su tre diversi fronti: campo, Uefa e Elliott. Il Milan sta cercando di risolvere i problemi di “campo” con l’esonero di Montella e la promozione di Gattuso, la Uefa non si è ancora pronunciata e la risposta dovrebbe arrivare a metà Dicembre mentre il Milan sta combattendo anche per il rifinanziamento con il fondo americano Elliott.

Le difficoltà – le difficoltà principali nel trovare un nuovo creditore riguardavano le voci su Yonghong Lì che ha spinto Marrill Lynch a rifiutare l’offerta, il fondo americano si era definito disposto a rifinanziare il debito della società ma non quello del presidente rossonero.

Il nuovo fondo – Il Milan, attraverso la banca londinese Bgb Weston, si è messo alla ricerca del nuovo con cui rifinanziare il debito. Il nuovo fondo trovato è Highbridge. La trattativa, secondo quanto riportato da calciomercato.com, è in fase avanzata.

Il rifinanziamento con Highbridge – con il fondo americano si sta parlando di un rifinanziamento del debito di circa 400 milioni di euro da restituire entro 5, quindi la data di scadenza non è più entro Ottobre 2018 ma, grazie a questo nuovo fondo, il Milan dovrà restituire il debito entro il 2023.