Milan, se vuoi l’Europa non puoi perdere in campionato

Calhanoglu Bonaventura Gattuso
© foto www.imagephotoagency.it

Dopo la sconfitta di ieri sera contro la Juve, il Milan si è giocato il jolly per l’accesso in Europa League: adesso la qualificazione al torneo passa esclusivamente per il campionato, vietati passi falsi

Si conclude in maniera tragica per il Milan la finale di Coppa Italia: sonora sconfitta per 4-0 inflitta dalla Juventus. Dopo un sostanziale equilibrio nei primi 45 minuti di gioco, i bianconeri hanno poi nella ripresa schiacciato l’undici di Gattuso, mettendo a segno 4 gol nella ripresa. Per la Vecchia Signora si tratta della quarta Coppa Italia conquistata consecutivamente, un record assoluto. Il Milan perciò, avendo fallito il jolly per accedere direttamente alla fase a gironi dell’Europa League, deve riversare tutte le energie rimaste negli ultimi due incontri di campionato, contro Atalanta e Fiorentina, che saranno quindi decisivi per stabilire le prossime squadre italiane che avranno accesso al torneo europeo l’anno seguente.

Ciò che più preoccupa i tifosi rossoneri è l’inevitabile contraccolpo psicologico che una sconfitta del genere potrà infliggere nei giocatori, rendendoli di fatto scarichi mentalmente. Il rischio concreto è che il Diavolo arrivi ai due match decisivi in condizioni tutt’altro che rassicuranti. Ricordiamo chele ultime due partite di campionato rappresentano di fatto due scontri diretti contro squadre che stanno anch’esse lottando per un posto in Europa: i bergamaschi infatti sono dietro al Milan di una sola lunghezza, e domenica sera si gioca all’ Atleti Azzurri d’Italia un match la cui intensità dovrà essere ben retta dai rossoneri per evitare di subire uno spiacevole sorpasso in classifica. Per concludere poi ci sarà il match casalingo con la Fiorentina, anch’esso cruciale, poichè i gigliati sono distanti solo tre punti da Bonucci e compagni. Servono energie per il rush finale: è vietato mancare l’Europa.

Articolo precedente
Stampa RassegnaLa rassegna del 10 maggio 2018
Prossimo articolo
DonnarummaDonnarumma, quando attaccare Gigio diventa quasi una moda