Milan, Scaroni: «Con Elliott torneremo ai vertici, facile convincere Maldini»

© foto www.imagephotoagency.it

Il primo numero dell’inserto sportivo del Foglio contiene un’intervista a Paolo Scaroni, presidente del Milan. Ecco le sue dichiarazioni, tra l’affidabilità di Elliott e il milanismo di Maldini

Paolo Scaroni, in un’intervista rilasciata al Foglio, ha parlato del Milan e del futuro rossonero. Tanti i temi toccati, tra cui le prossime ambizioni e l’importanza di avere milanisti in società.

SU ELLIOTT – «Penso che il nuovo azionista sia in grado di garantire tranquillità e serenità al club, che così potrà essere in grado di riprendere il suo posto nel contesto che gli è proprio. Poi è ovvio che a preparare le partite è l’allenatore e a giocarle sono i calciatori, ma dietro deve esserci una società solida»

SULL’IMPORTANZA DELLE TV PER IL CALCIO ITALIANO – «Ciò che è riuscito molto bene ai club inglesi, ma anche spagnoli e tedeschi, è stato il modo in cui hanno ampliato la propria audience televisiva. Ampliando la platea, si ampliano gli incassi. Ampliando gli incassi, ci si possono permettere ingaggi maggiori e calciatori più iconici»

SUL RUOLO FONDAMENTALE DELLA SOCIETA’ – «Una società solida e coerente, con degli obiettivi chiari e gestita in modo chiaro e ordinato è una conditio sine qua non per il successo. Non si scappa: puoi avere il più grande fuoriclasse del mondo, ma se c’è fumo attorno alla struttura del club, non si va lontano. La partita la vince sì la squadra, ma il posizionamento a livello internazionale lo vince sempre la società»

SUL RITORNO DI MALDINI – «Maldini è milanista dalla punta dei capelli a quella dei piedi. Non è stata una negoziazione difficile, diciamo che abbiamo ragionato un po’ per trovare un ruolo a una persona che ha una passione assoluta per questi colori».

Articolo precedente
Milan, quanto il mercato ha inciso sul bilancio 2018-19
Prossimo articolo
Calendario Serie A: info, streaming e tv delle prime tre giornate