Milan, questione Tas: ci sarà anche Elliott

Paul Singer Elliot
© foto www.imagephotoagency.it

Il Milan ha cambiato proprietà, i rossoneri sono passati nelle mani di Elliott. Un passaggio di proprietà che potrà aiutare il club davanti al TAS

Il Milan ha ufficialmente iniziato una nuova era, il club rossonero è passato nelle mani di Elliott. In casa rossonera è avvenuto quello che nessuno si sarebbe potuto immaginare fino ad un anno, cioè il passaggio nelle mani di Elliott. Sembrava una ipotesi lontana e remota, divenuta sempre più una realtà con il passare dei mesi.

IL CAMBIO DI PROPRIETA’ – Il passaggio di proprietà era noto ormai da tempo, servivano solamente i comunicati per capire in quali mani sarebbe finito il club rossonero. Il cambio di proprietà è stato ufficializzato ieri sera, quando dagli Stati Uniti è arrivato il comunicato di Elliott che di fatto ha sancito la fine della storia tra Yonghong Lì e i colori rossoneri.

TAS – Alla Uefa non è bastata la rassicurazione del fondo americano per evitare l’esclusione dalle coppe. Paul Singer, in qualità di proprietario del club, il 19 Luglio si presenterà insieme a Marco Fassone davanti al TAS di Losanna. L’obbiettivo è quello di rassicurare il TAS sulla continuità aziendale del club rossonero, solamente in questo modo si potrà essere riammessi alle coppe europee.

 

Articolo precedente
Bonucci DonnarummaMilan, nessun big ha chiesto la cessione
Prossimo articolo
HerreraCalciomercato Milan, sempre vivo l’interesse per Hector Herrera