Milan-Verona, lo show di Abate e Bonaventura: e il rinnovo?

bonaventura
© foto www.imagephotoagency.it

Nella anticipo di ieri tra Milan e Verona, terminato con una larga vittoria dei rossoneri per 4-1, hanno spiccato particolarmente Bonaventura e Abate. Sui due però, entrambi assistiti da Raiola, vigono incertezze riguardo al rinnovo

L’anticipo della 36° giornata di Serie A si è concluso con un sonoro 4-1 del Milan contro il Verona. Per i rossoneri vittoria fondamentale in chiave Europa League, mentre per gli scaligeri condanna definitiva e matematica alla Serie B. Il Milan è apparso tonico, reattivo, il pallone circolava con grande velocità e i giocatori sembrano essere tornati gli interpreti di cui Gattuso aveva beneficiato durante il periodo di forma rossonero. In particolare, nella partita di ieri, hanno spiccato due giocatori: Bonaventura e Abate. Il primo, che colleziona grandi prestazioni da svariate partite, è stato autore di una prestazione eccellente, il migliore in campo forse del Milan, condita con due assist. Il secondo invece è stato autore di un goal, quello del 3-0, che ha di fatto chiuso anzitempo l’incontro.

Sui due giocatori però vige uno stato di incertezza riguardo al futuro; entrambi infatti hanno come procuratore un certo Mino Raiola, figura decisamente ostile agli uffici di Casa Milan e che complica decisamente ogni tipo di ipotesi riguardo ad un’eventuale trattativa per il rinnovo.  Abate sembra destinato in ogni caso all’addio al termine della stagione; il giocatore ha il contratto in scadenza nel 2019, e tramite un comune accordo tra le parti, potrebbe lasciare Milanello con un anno di anticipo: per lui si prospetta un futuro in MLS. Discorso diverso invece per Bonaventura, il cui futuro rimane comunque sempre incerto, con Raiola che potrebbe decidere da un momento all’altro di cercare in ogni modo una sistemazione differente per il numero 5 rossonero. In merito però si è recentemente espresso Gattuso, che in conferenza stampa ha tranquillizzato i tifosi rossoneri: «Ha un contratto con il Milan, è un protagonista, Jack non mi ha mai chiesto di andare via e la società non lo ha messo sul mercato, anzi mi risulta che stiano discutendo del rinnovo». L’intenzione del giocatore sembrerebbe quindi quella di rinnovare, e la sensazione è che al termine della stagione Fassone, Mirabelli e Raiola possano fare uno sforzo per il bene comune: Jack deve restare al Milan.

Articolo precedente
Nikola KalinicKalinic, i fischi di San Siro chiudono di fatto una stagione da dimenticare
Prossimo articolo
Alessandro LupiPrimavera, Milan-Fiorentina 3-3: rammarico per i rossoneri