Milan lab, da Giugno senza Tognaccini: che differenza tra le due precedenti gestioni

Milan Puma
© foto Presa da Twitter

Tognaccini dopo vent’anni conclude la propria esperienza al Milan, oggi racconta e dettaglia le differenze tra le passate gestioni

Nessun rinnovo dal Giugno scorso in avanti, il lavoro di Daniele Tognaccini si è concluso così dopo 20 lunghi anni di attività, costellati come sappiamo da tante vittorie che hanno reso celebre il Milan in tutto il mondo, anche grazie a lui. Tognaccini ha voluto raccontare la sua esperienza al Corriere della Sera, sottolineando due aspetti fondamentali legati alle due precedenti gestioni, vale a dire quella di Berlusconi e di Yonghong Li: «Sono stati 20 anni formativi, avendo frequentato persone da cui ho imparato molto; meravigliosi per le vittorie conquistate da protagonista; impegnativi perché ho tolto tempo alla mia famiglia: era giunto il momento di dire basta. I motivi? Non certo perché la società precedente non credeva in Milan Lab. Anzi, la proprietà cinese aveva sviluppato piani di business per esportare la metodologia in Oriente. Aveva un atteggiamento opposto rispetto a Berlusconi che non era per nulla interessato a lucrare su un patrimonio di informazioni preziosissimo».

DECISIONE AUTONOMA- Una storia che se vogliamo accomuna in qualche modo Filippo Galli a Tognaccini chiaramente con motivazioni diverse e responsabilità differenti, entrambi però recriminano un qualcosa che molto probabilmente non hanno metabolizzato per le modalità riscontrate in corso d’opera. Filippo galli sostituito da Beretta come responsabile dell’area tecnica, ha rivendicato i propri diritti in base al suo apporto concesso negli anni alla società rossonera. Per Tognaccini parliamo invece di un contratto non rinnovato per sua decisione che gli consente comunque di esprimere le proprie ragioni, soprattutto legate a situazioni che magari avrebbe preferito andassero diversamente: da qui la differenza descritta tra le due gestioni precedenti, come a dire che in fondo la proprietà cinese aveva effettivamente idee importanti  legate al Business e che dunque non era tutto così incerto come descritto negli ultimi tempi.

Articolo precedente
san siroStadio Meazza, Milan ed Inter verso una risoluzione storica: accordo molto vicino
Prossimo articolo
Andrea ContiMilan, slitta il rientro di Conti: fino a novembre sarà Calabria-Abate