Milan, la sconfitta di ieri entra nella storia: mai 4 gol di scarto in una Finale

Bonucci Donnarumma
© foto www.imagephotoagency.it

Il Milan ieri sera ha subito la più pesante sconfitta in una Finale della propria storia, un dato che non può passare inosservato soprattutto dopo un mercato che paventava ben altri obiettivi in estate

La tremenda sconfitta subita ieri sera dal Milan in Finale di Coppa Italia contro la Juventus è già storia: secondo quanto riportato da Opta infatti i rossoneri nel loro albo d’oro non hanno mai perso con quattro gol di scarto una Finale in qualsiasi competizione. Una macchia indelebile dunque per una società, quella rossonera, che pur avendo perso tanto (oltre che vinto moltissimo) nella propria storia non ha mai subito pesanti umiliazioni come quella di ieri all’Olimpico. Le colpe di cotanto gravoso insuccesso vanno divise equamente tra società, mercato, staff tecnico e giocatori ma i dubbi che riguardano il Milan nella prossima stagione restano palesi dopo l’ennesimo campionato di transizione che ci si appresta a concludere a testa bassa, forse bassissima.

Le due finali contro Atalanta e Fiorentina saranno sicuramente fondamentali per marchiare il reale livello del Milan attuale che comunque, in fin dei conti, lotterà per il raggiungimento dell’obiettivo minimo forse neppure paventato in estate dopo gli oltre 200 milioni spesi per rinforzare una squadra che si appresta a concludere il campionato nella stessa posizione di quello precedente. L’alba del giorno dopo chiude un ciclo e ne riapre un altro: il Milan odierno ha sicuramente più certezze di quello passato con una società solida, un ossatura di giocatori validi e di prospettiva ma nessun valore aggiunto che le permetta di far sognare i propri straordinari tifosi che anche ieri sera, nonostante tutto, sono stati gli unici degni di rappresentare il Milan in Italia, in Europa e nel Mondo.

Articolo precedente
GasperiniVerso Atalanta-Milan, nerazzurri senza allenatore: confermata la squalifica a Gasperini
Prossimo articolo
Suso CalhanogluSuso si scusa coi tifosi: «Non siamo stati all’altezza»