Milan, i voti della stagione

Calhanoglu
© foto www.imagephotoagency.it

E’ arrivato il momento di tirare le somme in casa Milan. Oggi è il momento delle analisi e di valutare la stagione dei rossoneri

Con il fischio finale di Milan-Fiorentina si è chiusa la stagione dei rossoneri. Una stagione partita con ben altre aspettative ma che ha visto i rossoneri costretti a combattere per ottenere un posto in Europa League. L’obiettivo principale era quello di portare a casa il posto in Champions League ma sfumato per diversi errori che sono stati commessi

I VOTI – Adesso, come come succede al termine di ogni stagione, è arrivato il momento di dare i voti alla stagione rossonera.

Gianluigi Donnarumma: 6. La sua è stata una stagione complicata, soprattutto dal punto di vista mentale. Il portiere rossonero è stato al centro delle notizie più per questioni extra campo che per quanto fatto vedere sul rettangolo verde. Decisivo in alcuni momenti, soprattutto su Milik, disastroso in altri, come nella finale contro la Juventus

Antonio Donnarumma: 6. Il fratello di Gigio ha giocato una sola partita, risultando decisivo con la parata su Joao Mario

Storari: S.V.

Abate: 5. I tanti, troppi errori fanno di lui una vera condanna per il popolo milanista.

Calabria: 7. La sua stagione migliore da quando è arrivato in prima squadra. Il ragazzo ha mostrato di essere cresciuto mentalmente e tatticamente.

Conti: S.V.

Bonucci: 6.5. Il capitano rossonero è stato protagonista di una stagione strana. Male nel girone d’andata, poi l’arrivo di Gattuso lo rivitalizza e mette in mostra il Bonucci visto con la Juventus

Romagnoli: 6.5. Soffre molto la difesa a 3, poi ritorna la difesa a 4 ed è tutta un’altra storia. E’ cresciuto tantissimo con Bonucci al suo fianco.

Zapata: 6. Il difensore colombiano è stato impiegato poco nel corso di questa stagione ma ogni volta si è sempre fatto trovare pronto.

Musacchio: 6. Partito titolare con la difesa a 3, poi il ritorno alla difesa a 4 lo rilega in panchina. Sempre pronto quando è stato chiamato in causa

Rodriguez: 5.5. Stagione con più ombre che luci. Parte male ma chiude la stagione in crescendo.

Antonelli: S.V.

Kessie: 7 Parte bene, poi paga la mancata preparazione di Montella. La cura Gattuso rivitalizza anche lui. Fisicamente un mostro, quando è in giornata può portarsi a spasso anche una squadra intera.

Biglia: 6. Nella prima parte di stagione paga i troppi infortuni e la preparazione di Montella. Nella seconda parte ha dato ordine e equilibrio al centrocampo rossonero.

Bonaventura: 6. Parte male, poi si riprende nella seconda metà.

Locatelli: 5.5 Non ha mostrato quanto ha fatto vedere nella scorsa stagione. E’ partito male, ma nel finale di stagione ha messo in mostra le sue qualità

Montolivo: 5. L’arrivo di Biglia lo costringe allo spostamento sulla mediana, nel complesso ha fatto prestazioni migliori rispetto a quelle messe in mostra da regista.

Suso: 6. Trascinatore nella prima parte di stagione, fanstama nella seconda. Scompare quando salgono le prestazioni della squadra.

Cutrone: 8. Una stagione da urlo per il giovane attaccante rossonero. E’ una delle rivelazioni di questa stagione, solo Mbappè ha fatto meglio di lui.

Calhanoglu: 7. Una fantasma nella prima parte di stagione, un leader nella seconda. Gioca a tuttocampo con una naturalezza impressionante, erano anni che mancava un giocatore così.

André Silva: 5. Dal ragazzo ci si aspettava molto di più.

Kalinic: 5. Gioca per la squadra, manca di lucidità quando deve segnare.

 

 

 

Articolo precedente
FassoneFassone: «Con un’offerta congrua Donnarumma può partire»
Prossimo articolo
Mirabelli FassoneFassone e Mirabelli, positiva la prima stagione