Milan, con Calhanoglu hai trovato il tuo 10

© foto www.imagephotoagency.it

La stagione si è conclusa ed è tempo di bilanci: Il Milan ha condotto un’annata complessivamente deludente, ben al di sotto delle aspettative. Ci sono sicuramente dei punti però dai quali ripartire: Calhanoglu è uno di questi, il turco sembra essere il 10 che i rossoneri cercano da tempo

Ieri si è conclusa la stagione 2017/18 del Milan con un’ultima, fondamentale vittoria a San Siro contro la Fiorentina (5-1), che ha permesso ai rossoneri conquistare definitivamente il sesto posto e assicurarsi la qualificazione diretta ai gironi di Europa League. Le aspettative per quest’annata erano però ben più alte, specialmente dopo l’ingente cifra di mercato investita in estate, che aveva di fatto reso obbligatoria per il Milan la qualificazione in Champions. L’obiettivo è stato mancato e la squadra ha deluso ogni tipo di pronostico, con molti giocatori che non hanno reso quanto sperato. Ci sono però dei punti da cui ripartire, delle certezze e delle piacevoli sorprese su cui Gattuso potrà puntare forte per la prossima stagione: tra tutti spicca Calhanoglu, che ha stupito tutti i tifosi rossoneri e sul quale vige grande ottimismo per l’anno prossimo. Il turco è sbarcato a Milanello in estate, fortemente voluto da Mirabelli. L’avvio ha però lasciato un po’ a desiderare: la squalifica di 4 mesi subita lo scorso anno al Bayer Leverkusen e il difficile impatto con il campionato italiano hanno complicato, e non poco, l’impatto in rossonero di Calha.

Da metà campionato però, specialmente dopo l’arrivo in panchina di Gattuso, il turco ha alzato considerevolmente il livello delle sue prestazioni e ha concluso ieri la sua stagione con 8 gol e 12 assist collezionati. Calhanoglu è il 10 che il Milan cercava da tempo, il giocatore di qualità, capace di cambiare la partita con le proprie giocate, e soprattutto capace di fornire uno straordinario apporto di doti tecniche, che ai rossoneri mancavano da anni. Quella maglia ha sempre avuto una storica importanza, indossata da grandi campioni, che sarebbe sprecato anche solo nominarli. Certo è che nell’ultimo periodo, specialmente dopo Seedorf, l’ultimo grande 10 rossonero, questa maglia ha perso valore, con gli interpreti successivi (Boateng e Honda), che per quanto bene possano aver fatto, si sono dimostrati sicuramente inferiori al livello richiesto. Siamo solo ai primi assaggi, ma le prime sensazioni sono molto positive: tante giocate di qualità, gol e assist e soprattuto una straordinaria tecnica, Calhanoglu è il 10 che il Milan cercava.

 

 

Articolo precedente
Stampa RassegnaLa rassegna del 21 maggio
Prossimo articolo
FassoneFassone: «Con un’offerta congrua Donnarumma può partire»