Milan, Calhanoglu difende Cutrone: «Non ascoltare gli altri»

© foto www.imagephotoagency.it

Hakan Calhanoglu ha difeso il compagno di squadra Cutrone dopo l’esultanza polemica di quest’ultimo nella gara di ieri sera della Nazionale

La gara di ieri sera ha visto la Nazionale Under 21 sconfiggere per 3-1 il Belgio. Decisive sono state le reti di Barella, Cutrone e Chiesa. L’ottima vittoria potrebbe però non bastare per accedere alle fasi semifinali dell’Europeo. Proprio la rete del giovane bomber rossonero, più in particolare l’esultanza, ha scaturito diversi commenti e ha fatto parlare molto.  Dopo il grande colpo di testa infatti Cutrone è andato sotto la curva del Mapei Stadium portandosi prima le mani sulle orecchie, come a tapparsele e poi facendo il chiaro segno delle “chiacchiere” con le mani.

Difficile capire la precisa entità del messaggio che voleva lanciare, mentre è facile intuire il periodo difficile che il numero 63 del Milan ha attraversato negli ultimi mesi. Il gol mancava infatti addirittura dal 12 gennaio e questa astinenza ha sicuramente creato grande tensione nell’attaccante, alimentata poi dalle critiche e dalle voci di mercato delle ultime settimane. A difendere Cutrone ci ha pensato il compagno di squadra Hakan Calhanoglu, che tramite una stories su Instagram lo ha così appoggiato e difeso: «Non ascoltare gli altri! Concentrati solo sul tuo lavoro fratello mio».