Kakà, dal Brasile c’è già un nome per il centrocampo: forza, velocità e classe – VIDEO

Ricardo Kakà
© foto www.imagephotoagency.it

Kakà è a lavoro dal Brasile per riportare i connazionali sul campo di San Siro, esattamente come ai suoi tempi d’oro dei tanti trofei

Buone notizie arrivano dal Brasile dove Kakà è già a lavoro per riportare i connazionali a Milanello, esattamente come quando lui stesso alzava i trofei al cielo d’Europa. Secondo quanto riportato da Tuttosport, il campione rossonero si starebbe infatti muovendo in prima persona per portare in Italia Lucas Paquetà, classe 1997 di proprietà del Flamengo, protagonista anche con la nazionale brasiliana. Dunque si prospetta un “ritorno al passato in chiave futura”, ovvero il ritorno dei brasiliani al Milan, dei quali ultimamente si sentiva tanto la mancanza.  Oltre a Pedro del Flamengo infatti, il giovane Paquetà sarebbe il secondo colpo in serbo, grazie alla preziosa collaborazione tra Kakà ed un canale privilegiato per quanto riguarda i calciatori verdeoro.

GIOVANE E PROMETTENTE- Trequartista Cresciuto nelle giovanili del Flamengo, Paquetà debutta il 28 maggio 2017 in un match pareggiato 1-1 contro l’Atlético Mineiro. Ha un contratto valido fino al 31 dicembre 2020 ed una clausola rescissoria di 50 milioni di euro. Non male per un ragazzo di 21 anni, chiaramente bisognerà trattare il prezzo del cartellino ed eventualmente inserire una contropartita per arrivare a coprire l’intera cifra. 50 milioni di euro per un ragazzo così giovane che ha giocato sempre e solo in Brasile potrebbero essere un azzardo, Kakà in questo si gioca molto, attenzione dunque ad evitare intoppi pesanti dal punto di vista finanziario, già dalle prime operazioni.

UN RUOLO DA RICOPRIRE- Il trequartista è un ruolo che manca nell’undici di Gattuso, un po’ per scelta tecnica, ovvero la decisione di schierare un 4-3-3 con un centrale come Biglia non proprio votato all’attacco, un po’ per carenza vera e propria d un giocatore con tali caratteristiche: veloce, abile nel saltare l’uomo, giocare in verticale e all’occorrenza cercare il tiro anche dalla lunga distanza. Biglia ha certamente altre caratteristiche, sa ripiegare molto bene in difesa e proporsi in avanti, a sostegno del reparto offensivo, pur non essendo velocissimo nel dribbling e nella conclusione in porta.

Articolo precedente
europa leagueEuropa League, dalle Nazionali qualche pensiero in più per Gattuso
Prossimo articolo
Portogallo-Italia, Mancini ci prova cambiando molto: ok Donnarumma, c’è Bonaventura