Cristante, dimenticare il passato per ipotizzare un futuro insieme: al Milan farebbe comodo

© foto www.imagephotoagency.it

Domani Bryan Cristante ritroverà il Milan da avversario, come già successo nella gara di andata, il futuro è un mistero ma il ragazzo sarebbe pronto per un grande ritorno

Era la stagione 2013-14: Ricardo Kakà usciva dal campo durante la gara con il Chievo per fare posto al diciottenne Bryan Cristante, un talento della Primavera rossonera, del quale ai tempi si parlava molto. Cristante riesce a convincere Allegri a schierarlo come titolare il 6 gennaio, proprio contro l’Atalanta nella gara disputata a San Siro. Il Milan vince 3-0 e l’ultima rete la segna proprio Cristante, su assist di Kakà. Tutto bene chiaramente ma la settimana successiva il Milan perde a Reggio Emilia contro il Sassuolo, con il conseguente esonero di Allegri, e l’avventura del centrocampista con il Milan termina di fatto prima ancora di cominciare. Successivamente Cristante colleziona solo fugaci apparizioni, al Benfica non credono abbastanza in lui e nemmeno a Palermo e Pescara, dove viene prestato per potersi ritrovare. Nel momento peggiore arriva l’Atalanta che decide di acquistarlo in estate, si capisce subito che la sua carriera sia a un bivio fondamentale e che Gasperini possa essere l’uomo della provvidenza. Gasperini dunque compie l’ennesimo miracolo: Cristante diventa subito titolare inamovibile e segna con la frequenza di un attaccante. Nove reti, più di quelle realizzate in campionato da Patrick Cutrone, il miglior attaccante rossonero. Ora Juve, Roma ed Inter sono pronte ad acquistarlo, concedendogli la possibilità di proseguire una carriera tornata incredibilmente in vetta. Al Milan farebbe davvero comodo anche se molto spesso il giocatore ha espresso si il desiderio di giocare in un grande club ma se fosse possibile lontano dall’Italia.

Dunque osservato speciale per la gara di domani, sicuramente da mettere in elenco per i probabili acquisti barra prestiti, dimenticando il passato nel quale sono stati commessi alcuni errori di valutazione, nati soprattutto da un periodo complicato per la squadra a livello societario.

Articolo precedente
Cutrone Milan-VeronaAtalanta-Milan, primo pass per l’Europa: probabili formazioni
Prossimo articolo
Gattuso conferenzaGattuso: «Donnarumma si è assunto le proprie responsabilità, pronti al riscatto»