Connettiti con noi

HANNO DETTO

Conferenza stampa Pioli: «Gara difficile. Ecco le novità di formazione»

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Conferenza stampa Pioli: ecco le parole del tecnico rossonero alla vigilia del match casalingo contro l’Hellas Verona

Stefano Pioli presenta il match di San Siro contro l’Hellas Verona. Ecco le parole in conferenza stampa.


LIVE venerdì 15 ottobre ore 14:00

Sulla sosta: «Sosta particolare come tutte. Ci siamo ritrovati tutti insieme solamente ieri. Ho visto la giusta attenzione e la concentrazione giusta. Sarà una gara difficile, che ha fatto quattro risultati utili consecutivi e sta bene».

L’umore del Milan in questi giorni: «La squadra non ha dimenticato l’ultima prestazione di Bergamo. Sappiamo di affrontare un avversario simile e dovremo essere pronti a mettere tante energie psicofisiche».

Come sta Ibra: «Ieri e oggi ha svolto due buoni allenamenti. Domani mattina decideremo se sarà convocato. La sua condizione è in crescita».

Su Giroud: «Sta bene ha sfruttato bene la sosta e domani è disponibile».

Tatarusanu: «Domani giocherà. Lui è pronto è un grande professionista».

Sulla pericolosità di quest’anno: «Credo che stiamo migliorando molto in queste situazioni e dobbiamo continuare così».

Calabria e Mirante: «Davide sta bene e credo che sarà disponibile per domani. Antonio ha bisogno di una settimana in più per giocare ma sono contento perché arriva un portiere affidabile e serio».

Sui nazionali: «Stanno bene tutti. In questi giorni abbiamo giocato tra di noi e vedo che la condizione è buona».

La storia del club e i traguardi: «Questa squadra è desiderabile da tutti. I risultati sono più continui e dove vogliamo arrivare è più in alto possibile. Bisogna preparare ogni singola partita perché quello fa la differenza. Siamo il Milan e dobbiamo giocare per vincere».

La reazione ai due KO in settimana: «Siamo un gruppo unito e compatto. Vogliamo stringere i denti, superare le difficoltà e dimostrare il nostro valore. Sarà quello che cercheremo di fare».

Su Diaz: «Stamattina era un pochino indisposto. Vedremo per domani se sarà disponibile».

Sul passo avanti del gioco: «Credo che grazie alle prestazioni fatte, la squadra sia diventata più consapevole dei propri mezzi. Abbiamo più fiducia e ci serve per mettere in campo le nostre qualità».

Cosa serve per battere il Verona: «Le difficoltà saranno tante. Giocano bene, intensi, aggressivi. Sfrutteremo qualche loro errore e lo spazio che ci concederà. Chiaro che dovremo muoverci bene con i tempi giusti ed essere continui all’interno della partita».

Ballo Touré: «Ballo è tornato in buone condizioni, ha avuto il suo tempo per adattarsi. Con il Venezia è stato un pochino timoroso ma ha delle buone qualità. Ha grande velocità è più portato a spingere ma è bravo a difendere, quando deve temporeggiare. Occorre dargli tempo per ingranare».

Il paragone con il 2003/04: «Per arrivare a quella squadra serve vincere. Per arrivare a quel livello e a vincere dobbiamo passare da situazioni più piccole. Dobbiamo affrontare ogni gara come se fosse l’ultima. I miei ragazzi hanno tantissime qualità e alla fine tireremo le somme».

Le alternative di gioco senza Maignan: «Giusto sottolineare il suo ingresso così positivo e forte in squadra. Ma abbiamo fiducia in Tatarusanu e cercheremo di sfruttare al meglio le nostre abilità».

Sul recupero di Krunic: «Il suo rientro è importante. Ha fatto un ulteriore salto di qualità. E quindi si sono molto felice del suo recupero».

Sugli scontri diretti: «Sono importanti ma noi dobbiamo pensare a noi stessi».

Sugli incontri con il Verona: «Credo che Tudor stia ripercorrendo le situazioni tattiche di Juric l’anno scorso. Hanno giocatori interessanti e quindi hanno qualità ma noi dovremo essere più bravi di loro».