Conferenza Pioli: «Servirà un’ottima prestazione. E’ una partita che pesa tanto»

Pioli
© foto Stefano Pioli, tecnico del Milan

Conferenza Pioli: vi riportiamo le parole del tecnico rossonero alla vigilia del playoff di Europa League Rio Ave-Milan

Conferenza Pioli: il tecnico rossonero interviene, come di consueto, in conferenza stampa alla vigilia del playoff di Europa League. Il Milan sarà ospite del Rio Ave in un match che si disputerà in Portogallo alle ore 21:00. Queste le parole del mister:

Sulla gara – «Credo che dev’essere un approccio che la squadra deve avere. Dobbiamo dare e ottenere il massimo. I primi due preliminari ci hanno bene allenato, ma così hanno fatto anche i nostri avversari. Dobbiamo avere consapevolezza dei nostri mezzi e rispetto per l’avversario»

Sull’opportunità – «Dev’essere un’opportunità di dimostrare le nostre qualità. E’ un avversario che ha vinto in Turchia in un campo difficile. Hanno valori, sono tecnici e prendono buone posizione. Ci sarà bisogno di un’ottima prestazione»

Sul Rio Ave – «E’ una squadra che sfrutta il palleggio. Dobbiamo essere compatti e aggressivi per togliere fraseggio. Dobbiamo capire i momenti»

Sugli infortunati – «Romagnoli sta rientrando in gruppi. Dopo il Portogallo incomincerà ad allenarsi con noi. Proverà ad essere pronto dopo la sosta, lo stesso mi auguro per Conti. Musacchio non so se dovremo aspettare di più»

Sull’attaccante di domani – «Dipende da che tipo di situazioni vogliamo preferire. Per quanto riguarda Leao, sono felicissimo della sua disponibilità. In una situazione normale avrebbe dovuto avere ancora più tempo per recuperare. Domani ci sarà, ma solo per uno spezzone»

Sul peso della partita – «Pesa tanto. Stiamo cercando di portare a casa l’obiettivo e quindi di entrare in Europa. L’aspetto economico lo trattano altri, non io»

Su Kessie difensore – «Mi auguro di non dovere utilizzare Kessie da difensore centrale. Spero che non ci sia bisogno»

Su Brahim Diaz – «Ha preso delle buone posizioni in campo. Può fare meglio a livello di ritmo e intensità. Può determinare ancora di più. E’ disponibile e pronto, deciderò domani»

Sulla storia rossonera nelle coppe – «E’ normale avere pressione. Avere certe aspettative dev’essere un privilegio, perché stiamo tornando a certi livelli. Dobbiamo giocare da squadra e dare il massimo»

Su Leao – «E’ al sesto allenamento insieme al resto della squadra. L’anno scorso ha conosciuto un nuovo ambiente e una nuova filosofia. Può darci tanto»

Su Paquetà – «E’ stato un ottimo professionista, non ha mai fatto mancare nulla. Gli faccio un grande in bocca al lupo. Spero che dia il massimo, perché è un calciatore importante»

Su Diaz esterno – «Non ha difficoltà a ricoprire diversi ruoli. Dipende dalle situazioni. Lui ama lavorare tra le linee, ma centro-destro o centro-sinistra non fa differenza»

Sulla leadership di Kessie – «La cosa più bella è che il leader stia diventando il gruppo. E’ l’insieme di come si sacrificano e lavorano insieme. Ovviamente ci sono personalità che spiccano. Franck è sempre disponibile, sereno e concentrato. Questo gli da spessore»

Sulla partita – «Dobbiamo affrontarla con grande convinzione, domani si chiude la prima fase, sperando che diventi un cammino più lungo»

Sulla linea difensiva – «Sicuramente giocare così spesso e con gli stessi elementi, significa conoscersi meglio e rapportarsi meglio. Stanno lavorando bene, ma dev’essere tutta la squadra attenta alla difesa»

Sul Covid – «Mi auguro che l’emergenza finisca presto. Per tornare alla normalità e per rivedere i tifosi negli stadi. Ci affidiamo ai professionisti e speriamo finisca tutto il prima possibile»

Sulla difficoltà dei playoff – «Nei due precedenti preliminari abbiamo già visto che non sono partite semplici. E’ importante giocare da Milan e vincere questa gara»

Su Ibra – «E’ dentro il gruppo in tutto e per tutto. Si sentono e si stimolano anche in chat. Il leader è il gruppo. Grande concentrazione e un pensiero chiaro in testa: ce la possiamo fare».