Caso Coronavirus, caos prestiti che scadono a giungo: i dettagli

© foto www.imagephotoagency.it

Il possibile slittamento dei campionati nazionali in estate chiamerà l’Uefa a decidere riguardo il discorso legato ai prestiti

Il possibile ma non ancora ufficiale slittamento dei campionati nazionali a discapito di quelli Europei che i massimi esponenti dell’Uefa saranno chiamati a valutare nel corso della riunione straordinaria programmata per martedi 17 marzo, dovrà inevitabilmente chiarire anche la situazione prestiti ai quali solitamente le squadre nazionali devono far fronte a decorrere dal 30 giugno, ossia nel momento in cui i tornei sono tutti terminati.

Nel caso del Milan diverse vi saranno diverse situazioni in essere, sia in entrata che in uscita: Begovic, Kjaer, Saelemaekers e Ricardo Rodriguez, in prestito al Psv, in entrata. Differenti i discorsi che riguardano i due casi più spinosi della rosa rossonera, ossia Rebic (in prestito biennale dall’Eintracht) e Ibra (svincolato). Situazioni in essere alle quali l’Uefa sarà obbligata a rispondere.