Caldara, poco spazio? Ganz prova a spiegarne i motivi: debutto ormai prossimo

Caldara
© foto www.imagephotoagency.it

Maurizio Ganz prova a spiegare il motivo per il quale Gattuso non avrebbe concesso ancora nemmeno un minuto a Caldara, grande acquisto estivo

Pronto ad entrare in campo dal primo minuto tra le file rossonere, Mattia Caldara attende il proprio momento anche in azzurro, davanti a lui Bonucci e Chiellini, oltre al compagno di squadra Romagnoli. Come sottolineato da Maurizio Ganz, il centrale classe 1994 si sta piano piano ambientando in quella che per lui non è più l’Atalanta (dove qualche errore ti è concesso) ma una squadra dove non puoi permetterti di sbagliare. Da qui l’intento di Gattuso di proteggerlo al fine di mandarlo in campo in totale sicurezza. Ganz si è soffermato proprio su questo particolare di fondamentale importanza: «Credo che Caldara abbia fatto molto bene a Bergamo, con l’Atalanta. È chiaro che ora indossare la maglia del Milan è un’altra cosa. A Bergamo può essere perdonato qualche sbaglio, nel Milan devi dare qualitativamente l’apporto al cento per cento senza sbagliare nulla perché, andando indietro negli anni, si sono visti grandissimi giocatori. Credo che Gattuso gli stia facendo fare la gavetta giusta per metterlo dentro. È un giocatore di prospettiva per il Milan e per la Nazionale ma soprattutto per il Milan. Musacchio sta facendo bene ma quando hai una rosa di 20/23 giocatori che possono essere titolari è vantaggiosissimo per l’allenatore nel fare le formazioni perché chi è in panchina, entrando, può cambiare il volto della gara in qualsiasi momento».

ITALIA-POLONIA- Difficile pensare di vederlo in campo questa sera, Bonucci e Chiellini andranno a coprire la porta di Donnarumma, come fanno con quella di Szczesny quotidianamente. Molto più probabile domenica prossima a Cagliari dove i sardi tenteranno il tutto per tutto, al fine di fermare la squadra rossonera che molto ha impressionato contro la Roma di Di Francesco.

Articolo precedente
Italia-Polonia, Donnarumma c’è: a proteggere la sua porta ci sarà Bonucci
Prossimo articolo
PavolettiMilan, a Cagliari fanno sul serio: Padoin e Pavoletti già carichi oltre misura