Borini vuole restare: «Ma quale fuggi fuggi? Qui siamo al Milan»

borini-esultanza-milan
© foto www.imagephotoagency.it

Bella intervista di Fabio Borini alla Gazzetta dello Sport, l’esterno italiano si espone anche sulle voci di esodo in caso di esclusione del Milan dalle competizioni europee da parte della Uefa

Intervistato da La Gazzetta dello Sport, Fabio Borini racconta la sua prima stagione in rososnero: «Il bilancio per me è assolutamente positivo. Le aspettative nei miei confronti non erano molto elevate e io credo di aver dimostrato di valere la maglia del Milan. Penso di aver fatto vedere buone cose nonostante la maggior parte delle volte non abbia giocato nel mio ruolo naturale».
Ovviamente le prospettive sono più ambiziose: «Io vorrei giocare e non essere solo una pedina. Intendo ritagliarmi un ruolo da protagonista. Non sono al Milan per svernare, ma per rimettermi in gioco».
Fabio Borini ha anche escluso una sua eventuale cessione nel prossimo futuro: «Sto aspettando la rivincita con la Juve, in Supercoppa. Giocare nella prima metà di agosto potrebbe avvantaggiarci se il mister non ci ammazza in precampionato… (ride, ndr). Il mio sogno è vincere un trofeo con questa maglia, la Supercoppa sarebbe un’ottima introduzione verso prospettive più importanti».
Sanzione Uefa: «Se potrebbe esserci un fuggi-fuggi da Milanello? Per quanto mi riguarda di certo no. In generale non credo. Potrebbe essere una situazione che ci lega ancora di più. E poi, scusi, fuggi-fuggi per dove? Qui siamo al Milan…».
Articolo precedente
Fassone MirabelliMilan, la strategia di mercato in caso di problemi finanziari
Prossimo articolo
Milan, gli investigatori Uefa raccomandano l’esclusione dall’Europa League