Milan, ecco perché far giocare Cutrone

Cutrone
© foto www.imagephotoagency.it

Il Milan ha speso 230 milioni per rinforzare la squadra ma la vera rivelazione è Patrick Cutrone, ragazzo cresciuto nel vivaio rossonero e che ha già stupito tutti

L’attacco rossonero, soprattutto in campionato, sta facendo molta fatica, sono solamente 4 i goal segnati dagli attaccanti rossoneri in campionato, di cui 2 segnati da Cutrone e 2 da Kalinic. In Europa League la storia cambia ma non di molto, infatti nella competizione europea sono 9 i goal messi a segno dal reparto offensivo rossonero (6 Andrè Silva, 3 Cutrone e 0 Kalinic). Eseguendo un’ attenta analisi si evince un dato molto importante da queste statistiche: su 13 goal totali segnati dal Milan, quasi la metà sono stati messi a segno da Cutrone che, inoltre, è anche l’unico attaccante rossonero ad aver segnato in tutte le competizioni ufficiali disputate.

Goal/minuti giocati – Anche la statistica goal/minuti giocati rivela l’importanza e l’impatto che ha avuto il baby attaccante rossonero. Cutrone ha segnato 5 goal in 740 minuti giocati con una media di 1 goal ogni 148 minuti, Andrè Silva ha realizzato 6 reti in 900 minuti giocati in pratica 1 goal ogni 151 mentre Kalinic è l’attaccante con la media goal più bassa, un goal ogni 298 minuti giocati.

Quindi, se si vuole provare a cambiare il calcio italiano e vista l’enorme fatica in zona goal, Montella dovrebbe iniziare a considerare anche l’idea di provare a dare più continuità a Cutrone