Seria A Tim: Torino-Milan 2-0, l’analisi della sconfitta!

© foto www.imagephotoagency.it

Altro crollo del Milan in campionato, le colpe sono di Gattuso ma non solo

Serviva una reazione di orgoglio, spirito, voglia, coraggio ma purtroppo nulla di tutto questo è avvenuto. I rossoneri crollano anche a Torino, e si allontanano dalla zona Champions. Un traguardo troppo importante per l’attuale società che adesso rischia di vedersi smontare un castello fino a pochi mesi ben progettato. La colpa è di tutti, Gattuso e giocatori, che in tutto quest’ultimo periodo non sono mai stati capaci di tirare fuori la ‘cattiveria’ giusta per uscire da questo periodo buio. Attenzione, nulla è ancora perduto, ma è tempo di rimboccarsi le maniche e cambiare atteggiamento. Lunedì prossimo il Bologna, ultima chiamata verso l’Europa delle grandi.

Top e flop della gara di Torino:

DONNARUMMA 5: sulle reti subite non ha colpe, ma compie svariate uscite maldestre che rischiano di costare molto caro al reparto. Ingenua l’ammonizione per la protesta nel finale.

CONTI 4,5: spesso in difficoltà quando puntato. Assente anche in fase di spinta. Che fine ha fatto il giocatore intravisto con la maglia dell’Atalanta?

KESSIE 5: tanti errori in mezzo al campo per il centrocampista. Spesso fuori tempo, maldestro e approssimativo nella giocata. Commette anche il fallo da rigore che risulterà fatale.

PAQUETÁ 6: il brasiliano prova a scuotere la manovra con giocate di personalità, ma non riesce. Alcune buone falcate in avanti, ma poco assistito dai compagni.

BAKAYOKO 6,5: il migliore per i rossoneri. Concreto e fisico. Lucido anche in fase di conclusione, dove sfiora la gioia personale in più occasioni nella ripresa del match.

CUTRONE 6: tanto impegno e corsa per il centravanti. Non molla fino al fischio di fine partita, anche se raramente poi risulta pericoloso.