Supercoppa, parla Capello: «Troppa differenza tra Milan e Juve, Higuain si agita troppo»

© foto www.imagephotoagency.it

Manca ormai pochissimi all’attesa finale di Supercoppa Italiana tra Juventus e Milan. Fabio Capello ha parlato della sfida e di tanto altro

L’attesa sta per finire. Finalmente ci siamo: il 16 gennaio, tra due giorni, Juventus e Milan si sfideranno per contendersi la Supercoppa Italiana. Fabio Capello, intervistato da Tuttosport, ha parlato così della gara in programma mercoledì:

SULLE POLEMICHE RIGUARDO ALLA LOCATION – «Ma tutto questo si sapeva già nel momento di fare la scelta. Non c’è dubbio che sia indispensabile fare di più, molto di più, i diritti delle donne sono inviolabili, ma nel frattempo già ci sono state delle aperture e questa può diventare un’occasione in un progetto di crescita. Il processo purtroppo è lento. Solo con la rivoluzione si cambia tutto dall’oggi al domani, non si può pensare di passare dal bianco al nero senza sfumature»

SULLA GARA – «Nel calcio può succedere di tutto, ma mi sembra onestamente che ci sia tanta, troppa differenza. Ho visto la Juve dal vivo contro l’Inter. Altro ritmo. È impressionante»

SU HIGUAIN – «Fece bene con me in Spagna. È un giocatore importante. Però sai una cosa? Lo vedo agitare troppo e troppo spesso le braccia. Non mi piace questa cosa. Passaggio al Chelsea imminente? Secondo me non è il momento giusto per nessuno, queste sono scelte che eventualmente si fanno in estate. Non ora»

SU CHI TIFERA’ – «Mi godrò la partita, sperando in uno spettacolo come quello che ci offrono le squadre inglesi. Ma hai visto Liverpool-Tottenham e Manchester City-Liverpool? Uno spettacolo. Tutti di corsa a recuperare il pallone e subito via dall’altra parte. Ci sono squadre in Italia che stanno lì, si guardano intorno e non sanno che fare. Poi la danno al portiere. Oh, ma ti sembra normale che qui da noi il portiere tocchi trenta palloni a partita e il centravanti soltanto cinque».

Articolo precedente
Milan: in attacco può arrivare Groeneveld ma ci sono anche vecchie suggestioni
Prossimo articolo
piatekSky, primi contatti tra Milan e Genoa per Piatek