Connettiti con noi

HANNO DETTO

Simeone: «Polemiche arbitrali? Nulla di nuovo, domani dobbiamo vincere»

Pubblicato

su

Diego Simeone, allenatore dell’Atletico Madrid, ha parlato in conferenza stampa, alla vigilia del match di Champions contro il Milan

Intrevenuto in conferenza stampa alla vigilia del match di Champions League contro il Milan, Diego Simeone, tecnico dell’Atletico Madrid, ha presentato così la partita. Le sue parole riprese da TMW.

PARTITA – «Cercheremo di giocare a seconda di quello che chiederà la partita. Dipende da chi schieri ma anche dall’andamento della partita».

CONDIZIONI DE PAUL E LEMAR – «Abbiamo un gruppo molto importante, De Paul sta bene, Lemar viene da un infortunio ma ha giocato bene l’altro giorno. A Milano abbiamo sofferto all’inizio, con tanta pressione. Domani, se giocheranno nello stesso modo, dovremo essere bravi a sfruttare gli spazi».

PRESSIONE – «Abbiamo giocato tante partite di questo tipo, domani è una gara molto importante come lo è sempre in Champions. Dal momento del sorteggio sapevamo che sarebbe andata in un certo modo. Rispettiamo il rivale e vogliamo raggiungere l’obiettivo».

ASSENZE IN DIFESA – «Pesano non solo dal quel punto di vista, ma anche per la costruzione del gioco della squadra. Domani cercheremo di dare il massimo per non farle pesare».

IMPORTANTE PASSARE IL GIRONE – «Tutte le partite saranno importanti, domani la affronteremo con il solito impegno».

JOAO FELIX – «Ha avuto momenti migliori, per esempio all’inizio. Ora stava recuperando molto bene, poi ha ricevuto un colpo e deve recuperare».

SAVIC – «È un giocatore importante per noi, gioca qui da anni, dà forza e sicurezza. Dà quello che serve alla squadra».

CHAMPIONS – «È difficile fare paragoni, prima era prima e ora è ora. Noi vogliamo andare agli ottavi di finale, anche nel passato abbiamo affrontato situazioni che sembravano difficili».

POLEMICHE ARBITRALI – «No, perché succede in quasi tutte le partite che si giocano. Ci sono sempre critiche, situazioni a favore o contro. Non c’è niente di nuovo».