Milan, un dubbio europeo: meglio non qualificarsi o fare i preliminari di Europa League?

europa league
© foto www.imagephotoagency.it

All’interno della tifoseria del Milan sta sorgendo questa domanda, meglio non qualificarsi o partire dai preliminari di Europa League. Una domanda a cui solo il tempo saprà rispondere

Il Milan, dopo aver detto addio al sogno Champions League, è costretto a difendere il posto che garantirebbe l’accesso all’Europa League, i rossoneri dovranno centrare l’obiettivo per non gettare alle ortiche una stagione iniziata male. L’accesso all’Europa League è l’obiettivo minimo per questa stagione, quello principale, cioè il piazzamento in Champions League, è sfumato a causa dei disastrosi risultati ottenuti nel girone d’andata.

EUROPA LEAGUE – Il club rossonero potrà accedere alla seconda competizione europea in due modi: tramite i preliminari o con l’accesso diretto ai gironi. L’accesso diretto: il Milan deve giocarsi ancora la finale di Coppa Italia, una vittoria gli garantirebbe un posto ai gironi di Europa League. I rossoneri potranno accedere ai gironi arrivando 5 o 6 in classifica, attualmente sono settimi a -1 dall’Atalanta. L’accesso attraverso i preliminari potrà arrivare mantenendo la settima posizione in classifica. La squadra rossonera, se vuole tornare in alto, dovrà assolutamente cercare di accedere alla competizione europea. I tifosi rossoneri potranno stare tranquilli perché Gattuso sa che importanza ha il giocarsi una competizione europea, anche se si chiama Europa League.

LA NON QUALIFICAZIONE – La mancata qualificazione all’ Europa League potrebbe permettere ai rossoneri, nell’ anno del mondiale, di preparare al meglio la stagione e di non rispettare le regole del Fair Play Finanziario. Negando al club rossonero i ricavi che potrebbero arrivare dalla qualificazione all’ Europa League