Milan, Scaroni: «Abbiamo la grinta di Gattuso, domani sarà emozionante»

Scaroni
© foto www.imagephotoagency.it

Siamo alla vigilia dell’attesissimo match tra Milan e Juventus, che dirà molto sulle ambizioni di classifica rossonere di quest’anno. Ecco le parole di Scaroni sul match

Il posticipo di domani sera tra Milan e Juventus non ha assolutamente bisogno di presentazioni. Proviamo ad entrare di più nel clima pre-partita leggendo le parole di Paolo Scaroni, presidente rossonero, rilasciate in esclusiva a Tuttosport:

SUL MATCH – «Sarà un partitone un formidabile match, ma sono convinto anche un super evento sportivo, tra due squadre che hanno scritto e fatto la storia del calcio italiano e mondiale. Prevedo un grande spettacolo in campo, match aperto a tutti i risultati»

IL PRIMO MILAN-JUVE DA PRESIDENTE – «Lo vivrò con emozione ma anche con un grande peso sullo stomaco. Io dico sempre una cosa: è bello fare il presidente di una squadra di calcio, peccato ci siano le partite. Uno soffre talmente tanto, ed è il mio caso, che praticamente quasi non ci si diverte soprattutto nelle grandi sfide. Se rinviassero Milan-Juventus quasi lo preferirei. Scherzi a parte, contro la Juve sarà una sfida difficile, ma sono convinto che i nostri giocatori, in uno stadio pieno, daranno il massimo e anche di più., come successo nelle ultime partite»

SUGLI INFORTUNI – «È un periodo non facile, visto che sono quasi più i giocatori infortunati che quelli disponibili, bisogna stringere i denti. Ma nelle ultime partite i ragazzi hanno dimostrato grande cuore e voglia di vincere, i successi arrivati nel finale confermano che ci credono sempre»

SUI MERITI DI GATTUSO – «Lo vedo bene. Lui è un uomo tutto Milan, anche in virtù della lunga militanza come giocatore. È un tecnico molto determinato, mi pare che il Milan di oggi abbia preso la sua grinte. Obiettivi? Diciamo che siamo fiduciosi».

Articolo precedente
Paquetà, il brasiliano dà un annuncio via social
Prossimo articolo
Arrigo SacchiSacchi sul match di domani: «Milan in condizioni precarie, ma può succedere tutto»