Milan, riecco Biglia: Gattuso di fronte ad una scelta

Biglia
© foto www.imagephotoagency.it

Milan-Cagliari, Biglia pronto a tornare tra i convocati e tra non molto potrebbe essere pronto a rientrare dal primo minuto

Milan-Cagliari, ancora pochi giorni alla sfida che dovrà confermare il quarto posto rossonero per un’altra settimana ma ovviamente attenzione alle trappole. Un solo risultato, nessuna possibilità di errore, con Atalanta, Roma e Lazio ad un solo punto di distanza e Sampdoria distante 3 punti dal quarto posto. Corsa Champions serratissima, per questo motivo l’undici titolare dovrebbe essere confermato in toto, attenzione alle convocazioni, tra i presenti dovrebbe esserci anche Lucas Biglia, assente da oltre due mesi per un problema al polpaccio che ha decisamente cambiato il gioco rossonero.

Il centrocampista argentino, tra i migliori nei primi mesi stagionali, potrebbe (d’obbligo il condizionale) costituire uno dei perni sui quali il Milan cercherà di costruire la sua rincorsa alla Champions League. Attenzione però a non alterare gli equilibri di una squadra che paradossalmente ( sono i dati a dirlo) con l’uscita di scena di Biglia e l’ingresso di Bakayoko ha subito 8 goal in 13 partite di campionato mentre nelle 9 gare giocate dall’argentino solo in campionato sono 13 i goal subiti, Europa League esclusa. Questo non vuol dire che sia tutta responsabilità sua ma l’apporto fisico di Bakayoko in mezzo al campo è evidente, più che nella posizione di mezz’ala.

COSA POTREBBE CAMBIARE- Difficile vedere Biglia in campo a partire già da sabato sera, più probabile un inserimento graduale per far rifiatare Bakayoko, ad ogni modo come abbiamo già detto, Gattuso potrebbe spostare Chalanoglu come mezz’ala e far salire Paquetà come esterno del tridente d’attacco. Questo sempre per quanto riguarda il 4-3-3. Nel caso in cui Gattuso pensasse di passare al 4-2-3-1 (soluzione più accreditata) allora potremmo vedere la linea dei quattro difensori invariata (a parte Conti), Kessie e Bakayoko davanti alla difesa, Calhanoglu e Suso sugli esterni, Paquetà trequartista alle spalle di Piatek.