Milan, Donnarumma subito nel mirino: Reina può aiutarlo

Donnarumma
© foto www.imagephotoagency.it

Sono bastate un paio di incertezze nella gara contro il Napoli e Gigio Donnarumma è nuovamente finito nel mirino dei tifosi. Reina può metterlo sul giusto cammino

L’estate tranquilla, specialmente sotto il punto di vista mediatico, di Gigio Donnarumma aveva fatto sperare in una fiorente rinascita del giovane portierone questa stagione. L’avvio in campionato però non è stato esaltante: qualche errore di troppo nella deludente sconfitta subita al San Paolo dal Napoli, come scrive la Gazzetta dello Sport, hanno subito posto l’estremo difensore sul banco degli imputati, da dove sembrava essere finalmente sceso dopo una stagione piuttosto complicata.

MENO PRETESE, PIU’ SERENITA’ – Per Donnarumma si tratta della quarta stagione da titolare al Milan, a soli diciannove anni, e questo è già un dato. L’errore del portiere della Nazionale su un tiro da fuori di Zielinski ha acceso il semaforo verde alle critiche dei tifosi, che si aspettano da lui i miracoli e le prodezze a cui li aveva abituati. Le pretese verso Gigio sono infatti presto diventate altissime. L’errore più grande è quello di considerare il numero 99 rossonero il fenomeno di turno, il salvatore della patria da cui aspettarsi solo il meglio. Così facendo viene però ignorato un aspetto fondamentale: Donnarumma è un giovane, e in qualità di giovane deve avere il diritto di crescere con serenità come concesso a tutti i suoi coetanei. Responsabilizzare eccessivamente un talento ancora acerbo può essere totalmente controproducente. Il suo percorso di crescita questa stagione potrà essere facilitato dalla presenza di Reina, da alcuni reputata una brutta gatta da pelare, ma che invece potrebbe essere la giusta soluzione per permettere a Gigio di avere più tempo, meno pressioni e di imparare tante cose da un giocatore la cui carriera e fama lo precede.

Articolo precedente
GazidisMilan-Gazidis: sempre più vicini, si allungano però le tempistiche
Prossimo articolo
CalabriaQuesto Calabria è da Nazionale, Mancini ci rifletta